Turchia, speriamo in una soluzione politica. Nel frattempo azioni e obbligazioni precipitano

17 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (ADVISE ONLY) – Fattori interni ed esterni alla Turchia fanno pagare uno scotto pesante tanto alla Borsa quanto ai rendimenti obbligazionari del Paese.

Alla volatilità manifestatasi a livello globale sui mercati finanziari da qualche settimana a questa parte per i timori che termini la massiccia immissione di liquidità da parte della Fed e della Bank of Japan, si è sommata la situazione di drammatica crisi sociale e politica all’interno del Paese.

Clicca per ingrandire

Finché tale situazione di disordini interni non si sarà risolta pacificamente (sottolineiamo “pacificamente“) e non sarà migliorato il clima finanziario globale, gli investimenti legati alla Turchia resteranno ad altissimo rischio, vulnerabili a qualsiasi notizia negativa.

Insomma, il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di alleggerire il peso dell’”Impero Ottomano” nei propri portafogli di investimento.

Tu cosa ne pensi?

Approfondiamo l’argomento insieme all’interno della Community di Advise Only.