Trump incontra Conte: “Italia esempio in Ue per le politiche migratorie”

31 Luglio 2018, di Alessandra Caparello

L’Italia incassa l’ok degli Stati Uniti per le politiche migratorie. Così il presidente americano Donald Trump ha parlato di lavoro straordinario del nostro paese sull’immigrazione e si è detto favorevole alle posizioni dell’esecutivo italiano nella Conferenza di Libia che si terrà a Roma.

“Stiamo organizzando con il presidente Trump la conferenza sulla Libia. Affronteremo e discuteremo con tutti gli stakeholders il problema della stabilizzazione della Libia in modo da consentire alla Libia di pervenire alle elezioni democratiche in un quadro di stabilità”.

Così ha spiegato il premier italiano Giuseppe Conte dopo l’incontro a Washington con il tycoon che si è detto d’accordo con quello che sta facendo l’Italia sull’immigrazione legale e illegale. Una posizione dura, ha spiegato Trump facendo riferimento alla chiusura dei porti decisa dal governo, ma che molti altri Paesi in Europa dovrebbero seguire da esempio.

“Ho detto al presidente Trump come e perché l’Italia ha voluto seguire una posizione non più in linea con l’immobilismo europeo sul problema dei migranti. Il primo approdo non può più essere un alibi per gli altri membri dell’Ue per delegare l’Italia a risolvere da sola il problema”.

Altre questioni sul tavolo: la sanzioni russe che Trump ha definito intoccabili, mentre il premier italiano Conte ha sottolineato che non devono colpire però la società civile. Sul gasdotto Tap, Trump ha parlato di ora strategica e Conte ha annunciato un incontro  con sindaci e associazioni del Salento assieme ai ministri competenti per discuterne.

Al termine dell’incontro con il premier Conte, Trump è tornato nuovamente sulla questione Iran e dopo aver usato parole di fuoco ha affermato di essere pronto a incontrare il presidente Rouhani in qualsia momento lo voglia.

 Sono pronto a incontrare l’Iran “ogni volta che lo vorranno”, senza condizioni preliminari.

Così il presidente in conferenza stampa proprio con il premier Conte.