Tokyo continua a soffrire forza yen, mista l’Asia

2 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Sessione mista per le principali borse asiatiche dopo l’exploit della vigilia, quando i listini erano stati trainati dall’ennesimo dato macro positivo della Cina, ovvero il PMI manifatturiero. Resta invece ingessata Tokyo a causa dell’attuale forza dello yen che continua a penalizzare i grandi titoli esportatori. Vendite anche sulle banche intimorite da possibili misure restrittive. L’indice Nikkei ha chiuso così con un +0,06% a 9159 punti toccando i minimi di unanno e mezzo. Tra le altre borse asiatiche Seul ha terminato in rialzo dello 0,17% a 1.918 punti, mentre Taiwan ha ceduto lo 0,42% a 8.344 punti. Miste le altre piazze asiatiche che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong piatta, Singapore e Bangkok in rialzo rispettivamente dello 0,45% e dello 0,23%. In rosso Kuala Lampur -0,27% e Jakarta -0,17%. Profit taking su Shangai che lima lo 0,24%.