TLC: DA JOHN MALONE BACCHETTATE PER AT&T

12 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

John Malone, uno dei principali azionisti privati di AT&T (T) e membro del consiglio di amministrazione, ha suggerito all’esecutivo della societa’ varie proposte che potrebbero risolvere parte dei problemi del gigante della telefonia.

Per aumentare il valore del titolo, AT&T dovrebbe innanzi tutto fondere la divisione ‘lunga distanza’ con altri servizi della Rete e creare cosi’ un ‘network’ apposito per il trasferimento di immagini su Internet, l’archiviazione dati e altri servizi. Malone suggerisce anche di collocare sul mercato come ‘tracking stock’ sia questa divisione ‘network’ che quella ‘broadband’ per i servizi via cavo.

Per approfittare dello sviluppo nel settore della Tv via cavo, la societa’ dovrebbe, secondo Malone, focalizzarsi sul palinsesto e una possibilita’ in questo senso potrebbe arrivare da una piu’ stretta collaborazione con Liberty Media Group, la societa’ di TCI controllata da AT&T.

Per quanto riguarda la gestione dell’azienda, un modello da seguire potrebbe essere quello adottato da Jack Welch di General Electric: l’amministratore delegato controlla le operazioni della una societa’ mentre le singole divisioni sono gestite autonomamente da manager di talento, la cui fedelta’ e’ misurata da una maggiore retribuzione.

L’interesse di Malone non e’ altruistico: il pioniere della Tv via cavo ha perso oltre un miliardo di dollari dopo il recente scivolone del titolo AT&T che da marzo e’ sceso di oltre il 40%.