Titoli di Stato italiani si scaldano per stretta Bce e frammentazione politica

9 Febbraio 2022, di Alessandra Caparello

L’impennata dello Spread a 160 punti e del rendimento dei titoli di Stato a 10 anni intorno all’1,8% lasciano intravedere all’orizzonte nuove tensioni per l’Italia sui mercati finanziari.

Il risultato finale delle elezioni presidenziali italiane con la riconferma di Sergio Mattarella alla guida del Quirinale, potrebbe aver scongiurato l’instabilità politica nel paese almeno per il momento anche se gli osservatori del mercato sono cauti sul futuro economico e politico della terza economia più grande d’Europa.

Così sull’emittente Cnbc Silvia Amaro descrive la situazione politica italiana e la correlazione con il mercato obbligazionario. Nel dettaglio, il rendimento dei titoli di stato italiani a 10 anni è stato scambiato all’1,8680% nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 8 febbraio, in aumento di circa 5 punti base.

“Il mercato obbligazionario periferico deve adattarsi alla realtà di un mondo senza QE [quantitative easing] della BCE”, ha sottolineato Frederik Ducrozet, strategist di Pictet Wealth Management. Una ragione che spiega i movimenti di questa settimana nei mercati del debito europeo è la maggiore aspettativa che la Banca centrale europea stringa la politica monetaria durante il 2022, con un possibile aumento dei tassi verso la fine di quest’anno. Qualsiasi aumento dei tassi sarebbe il primo dal 2011, quando la banca fu criticata per essersi mossa troppo presto in un periodo di grande stress finanziario.

La zona euro, di cui l’Italia fa parte, ha visto una politica monetaria allentata dalla crisi del debito sovrano del 2011, con miliardi pompati nella sua economia per stimolare i prestiti e l’attività economica.
Ma mentre le prospettive stavano iniziando a migliorare nel 2019, è arrivata la pandemia di coronavirus e la BCE ha successivamente lanciato un nuovo programma di acquisto di obbligazioni. Questo includeva l’acquisto di ancora più titoli di stato in tutta l’area dell’euro, in modo che le nazioni affrontassero costi più bassi nel raccogliere nuovo debito.

“Nel 2020-21, la Banca d’Italia ha acquistato oltre il 100% dell’offerta netta del debito pubblico centrale italiano. Nel 2022, stimiamo che la banca centrale comprerà fino al 60% dell’emissione netta. Nel 2023, questa fonte di domanda non ci sarà più”, ha detto Ducrozet, evidenziando il cambiamento del panorama della politica monetaria. Di conseguenza, ha aggiunto: “La crescita e le prospettive fiscali saranno fondamentali” per l’Italia.

Titoli di Stato, pesa la frammentazione politica

Un ulteriore problema per l’Italia è il suo Parlamento, scrive Amaro, che spesso sperimenta un’enorme frammentazione politica, con un impatto sulla crescita e sulle prospettive fiscali.

È “chiaro che i capi dei partiti non hanno un forte controllo sui loro partiti. Questo è ciò che produce nervosismo”, ha detto alla CNBC Gilles Moec, capo economista del gruppo AXA Investment Managers.

In effetti, la frammentazione politica è così acuta in questo momento considerando che ci sono voluti ben otto votazioni per eleggere il nuovo Capo dello Stato e dopo quasi una settimana di votazioni inconcludenti, si è deciso di chiedere a Sergio Mattarella di continuare a rivestire il ruolo di Presidente.

“Il duo Mattarella-Draghi può fornire un sostegno nel breve periodo, ma le prospettive dell’Italia nel medio-lungo termine rimangono molto incerte”.

Così ha sottolineato Wolfango Piccoli, co-presidente della società di consulenza Teneo, in una nota ai clienti la scorsa settimana. Mario Draghi, da un anno primo ministro del Paese, ha portato stabilità alla nazione. Ha messo insieme un piano su come investire quasi 200 miliardi di euro (228,6 miliardi di dollari) di fondi europei per il recupero della pandemia, mantenendo il sostegno dei principali partiti politici.

Tuttavia, il mandato di Draghi termina nella primavera del 2023 – quando sono previste nuove elezioni parlamentari. Ora c’è da chiedersi se Draghi, ex presidente della BCE, riuscirà a continuare ad attuare le riforme tanto necessarie prima della fine del suo mandato. I partiti politici inizieranno presto a gettare le basi per le loro campagne elettorali e, più in generale, un’elezione porterà senza dubbio incertezza su quale tipo di coalizione emergerà dopo il voto.

“Mentre una leadership più forte da parte di Draghi è una condizione necessaria per tenere sotto controllo i demoni della politica italiana, non è sufficiente per mantenere il paese sulla strada giusta nel tempo”, ha detto Piccoli.

Senza dubbio l’Italia non è un paese di cui l’UE può fare a meno. I sondaggi proiettano un Parlamento molto diviso a Roma dopo le elezioni del prossimo anno e le prossime elezioni saranno una corsa molto serrata e ci sono diversi formati di coalizione possibili. Gli investitori saranno interessati a sapere quali sono le possibilità che Roma continui ad attuare le riforme economiche necessarie per ricevere i massicci fondi europei di recupero, che saranno fondamentali per rilanciare l’economia italiana.

“I mercati saranno molto attenti a questo”, ha detto Gilles Moec di AXA Investment Managers.

“Il massiccio piano di recupero dell’Europa dipende fortemente dall’Italia. Questo perché Roma sta ricevendo l’importo più alto di qualsiasi altra nazione dell’UE all’interno di questo programma. Non riuscire a riformare e ottenere quei fondi metterebbe in discussione l’efficienza dell’intera Europa nel realizzare i suoi obiettivi” cconclude Amaro.