TITOLI DEL GIORNO 160805

di Redazione Wall Street Italia
16 Agosto 2005 10:27

S&P/MIB (PC 33848)

L’S&P/MIB ha chiuso venerdì scorso a quota 33783 (- 0,41 %).

Da aprile a inizio agosto 2005 l’indice italiano ha effettuato una salita che ha portato le quotazioni da 30700 ai massimi relativi poco al di sopra di 34000, mettendo a segno una performance dell’11% circa.

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a una perdita di momentum e all’avvio di un movimento di congestione fra 33400 e 34000 (2% circa di ampiezza).

La violazione confermata di 33400 fornirebbe un più chiaro segnale di perdita di spinta rialzista, che potrebbe avviare una contenuta discesa verso il forte supporto in area 32900-33000 (-1.5% rispetto a 33400). Sotto 32900 si avrebbe poi una correzione di maggiore portata, con obiettivo il supporto dinamico in area 31800-32000 (-4.0/4.5% circa rispetto a 33400).

Un superamento e quindi un consolidamento di quota 34000 farebbe invece riprendere con vigore il trend rialzista che ha caratterizzato gli ultimi mesi, con primo obiettivo 35000 e quindi, a tendere, 36000-37000, dove sono attese robuste prese di beneficio.

Per segnali operativi di trading veloce è disponibile il servizio SELLA ADVICE TRADING Segnali Titoli Italia Fast all’indirizzo:
www.sella.it/gbs/trading/analisi/advice_trading/advice_trading.jsp

Oggi parliamo di:

Telecom Italia
Unicredito
Italcementi
Eni
Banca Fideuram
Stm
Fiat

Oggi su Sella Advice Trading / Segnali Titoli Italia (fast) strategie su:
Telecom Italia

Analisi a cura di Giorgio Sogliani

TELECOM ITALIA (PC 2.665)

Da metà aprile 2005 il titolo ha avviato un movimento di consolidamento fra il supporto in area 2.45/50 e la resistenza a 2.70/75, con livello statico mediano a 2.57.
Nelle ultime settimane le quotazioni hanno avviato una correzione e quindi un tentativo di consolidamento sopra 2.60.
Per le prossime sedute il quadro tecnico appare laterale, con possibili salite verso la vicina resistenza a 2.75. Il superamento di tale livello consentirebbero nuove salite con obiettivo 2.83/85, dove sono attese prese di beneficio. A superamento di quest’ultimo livello, si proporrebbe il test di 2.95/3.00.
Le spinte a rialzo si attenuerebbero al di sotto di 2.58, con possibile discesa a testare nuovamente 2.45/50, poco probabile al momento.

Per l’infraday: possibile salita a testare 2.68, dove sono attese prese di beneficio. A superamento di 2.68, test di 2.695. La violazione di 2.65 avvierebbe una correzione di 2.63.

UNICREDITO (PC 4.625)
Dopo aver toccato i minimi di giugno scorso, a 4.05, il titolo ha avviato un rally verso 4.50/55, seguito da un consolidamento al di sopra di 4.30, che ha contribuito alla costruzione di una possibile formazione a Testa & Spalle rovesciato con livello soglia proprio a 4.45/50.
Le quotazioni stanno tentando in queste ultime sedute di consolidare sopra di tale resistenza, in modo da poter avviare una salita verso 4.70/75 e quindi, a tendere, verso 5.00.
Il quadro tecnico si indebolirebbe in caso di discese al di sotto di 4.30, poco probabile al momento.

Per l’infraday: probabile consolidamento fra 4.610 e 4.650. Solo in caso di superamento di 4.650, accelerazione verso 4.69/70.

ITALCEMENTI (PC 13.50)
Il doppio minimo sviluppatosi nel maggio scorso al di sopra di 12.00, ha avviato un robusto rally che ha consentito alle quotazioni di portarsi al test dell’area di resistenza a 13.50/60, cui è seguito un movimento correttivo verso il supporto statico a 13.15, dove sono tornati gli acquisti.
Per le prossime sedute, è probabile il proseguimento del consolidamento sopra 13.40/50, cui dovrebbe seguire il test di quota 14.00 e, a tendere, di 14.30/40.
L’eventuale violazione del supporto a 13.15 segnalerebbe l’avvio di una correzione verso 12.70, al momento poco probabile.

Per l’infraday: probabile consolidamento sopra 13.45 prima di nuove salite verso 13.63/65. Debolezza sotto 13.40, con conseguente discesa verso 13.25.

ENI (PC 23.94)
Il movimento rialzista avviatosi nel 2003, dopo il consolidamento al di sopra del livello statico a quota 13.00, ha condotto le quotazioni al test e al recente superamento di 23.50/24.00.
Per le prossime sedute, è probabile un breve consolidamento al di sopra di 23.50/70, con possibile estensione verso il basso a 23.00, cui dovrebbero seguire nuove salite verso 24.70 e 25.20.
Le spinte rialziste si attenuerebbero al di sotto di 22.50, poco probabile al momento, con possibile avvio di un consolidamento al di sopra di 22.00.

Per l’infraday: probabile test verso 23.85 prima di nuove salite verso 24.20. Negativa la violazione di 23.75, con discesa verso 23.60, poco probabile.

BANCA FIDEURAM (PC 4.175)
Da novembre 2005 il titolo si muove all’interno di un canale laterale compreso fra 3.85 e 4.35/40, di ampiezza pari a circa il 13% e con livello intermedio a 4.10. Nelle ultime settimane le quotazioni si sono portate verso la parte alta del canale.
Per le prossime sedute è probabile un consolidamento sopra 4.10/4.15, che dovrebbe preludere al test della resistenza a 4.35. Il superamento di tale livello avvierebbe un rally con obiettivi 4.60 e 4.80.
Il quadro tecnico si indebolirebbe in caso di violazione di 4.10, con conseguente discesa verso 3.95 ed estensioni a 3.85.

Per l’infraday: la tenuta di 4.16 dovrebbe consentire una risalita verso 4.19. Il superamento di tale livello proporrebbe il test di 4.22 e quindi 4.25. Sotto 4.16, discesa verso 4.12.

STM (PC 13.69)
La riaccumulazione al di sopra di 10.80, verificatosi nel maggio 2005, ha consentito l’avvio di un prolungato rally, che, dopo la pausa di giugno/inizio luglio, ha condotto le quotazioni verso 15.00/50, dove sono prevalse le vendite.
Nelle ultime settimane il titolo ha tentato un consolidamento al di sopra di 13.80/14.00, ma la recente violazione di tale supporto ha fornito un nuovo segnale di debolezza. Nell’immediato è probabile un rimbalzo verso 14.00, ma rimane elevato il rischio di un test di quota 13.00.
Un segnale positivo si avrà invece con il ritorno sopra 14.50, che proporrebbe come obiettivi 15.00 e 15.50.

Per l’infraday: probabile consolidamento sopra 13.60/63, cui dovrebbe seguire un rimbalzo verso 13.80/85. Negativa la violazione di 13.60, con il rischio di discese verso 13.50.

FIAT (PC 6.83)
Dopo i minimi registrati ad aprile di quest’anno, il titolo ha avviato una risalita verso la resistenza statica posta a 7.15/30, dove sono prevalse le vendite.
Per le prossime sedute, il superamento di 7.30 aprirebbe spazi a ulteriori rialzi, con obiettivi individuabili a 8.00/10 e a 8.70/90.
Le pressioni al rialzo si attenuerebbero in caso di un ritorno confermato al di sotto di 6.60/70, con conseguente correzione verso 6.20.

Per l’infraday: la tenuta di 6.80/82 dovrebbe consentire una risalita verso 6.95/7.00. Negativa un’eventuale violazione di 6.78, che comporterebbe accelerazioni verso 6.75.

LEGENDA

Brevissimo periodo: 1-2 giorni
Breve periodo: 2-10 giorni.
Medio periodo: 10-30 giorni.
Lungo periodo: oltre i 30 giorni.
PC: prezzo corrente, ovvero prezzo di mercato al momento dell’analisi.
momentum: indica la velocità/accelerazione del mercato “pesata” per i volumi.
mm: media mobile.

NB: Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Ai sensi dell’art. 69, comma 1, punto c, del Regolamento Emittenti della Consob, Banca Sella segnala che potrebbe avere un proprio specifico interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi.

I servizi disponibili

Tutti i servizi in prova gratuita per 1 mese sulla Piattaforma SELLA ADVICE TRADING, sul trading-on-line

Segnali Future Nasdaq100 Multiday (segnali settimanali long/short sul derivato, con orizzonte multiday);

Segnali Portafogli Europa (ogni mercoledì, segnali solo long sui principali titoli azionari europei, con orizzonte 1 – 3 mesi)

Segnali Future Eurostoxx50 (segnali settimanali long/short sul derivato, con orizzonte multiday);

Segnali Minifib Multiday (segnali settimanali long/short sul derivato, con orizzonte multiday);

Segnali Fib30 infraday (segnali quotidiani long/short sul future, con orizzonte infraday);

Segnali Titoli Italia (segnali quotidiani di trading long/short sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte infraday -una settimana);

Segnali Titoli Italia Multiday (ogni lunedì e mercoledì, segnali di trading long/short sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte 1- 4 settimane);

Segnali Portafogli Italia (ogni venerdì, segnali solo long sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte 1 – 3 mesi)

Per informazioni: www.sella.it/banca_on_line/trading/analisi/advice.jsp Consulta anche il manuale e i tracker.