Titoli: a Milano occhio a Pirelli, Azimut, Astaldi ed Enel

30 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

BORSE EUROPEE

Avvio in calo per le borse europee sulla scia di Wall Street e degli indici asiatici, dopo i commenti poco ottimisti sullo stato dell’economia da parte di un funzionario della Federal Reserve. Nel corso della seduta l’attenzione degli operatori sarà puntata sul dato del Pil statunitense, atteso per le 14:30 italiane.

In evidenza ieri i titoli telefonici dopo una raffica di trimestrali nel settore, a partire da France Telecom e Telefonica che hanno diffuso conti migliori rispetto alle stime. Bene anche British Telecom dopo aver reiterato l’outlook sul 2010.

Sotto pressione Lufthansa nonostante una buona semestrale nella quale ha confermato l’outlook sul 2010, penalizzata da generalizzate prese di profitto dopo i recenti rialzi. Le prese di profitto hanno colpito anche Siemens nonostante abbia invertito nel terzo trimestre fiscale la tendenza discendente del fatturato e abbia alzato l’outlook.

PIAZZA AFFARI

Apertura negativa per Piazza Affari, con l’indice FTSE/MIB a 21.000 pts. Attenzione rivolta oggi a Pirelli, che ha rivisto nuovamente al rialzo le previsioni sul 2010 dopo aver segnato, nel semestre, un aumento del 19,8% dei ricavi e di oltre il 60% dell’utile operativo. La divisione pneumatici, nel secondo trimestre, ha segnato il miglior risultato operativo di sempre.

Occhi puntati anche su Azimut, balzata ieri del 5% dopo aver chiuso il primo semestre con utile netto di EUR46,1 mln, in calo rispetto ai EUR47,5 mln dello stesso periododel 2009, ma con ricavi consolidati in crescita a EUR171,5 mln daEUR156,0 mln.

In agenda i Cda sui risultati di Zucchi, Gabetti, Vittoria Ass., Autogrill, BasicNet, Sias, Cairo Comm., Datalogic, Actelios, Fiera Milano, Banca Generali, Cir, Aut. TO-MI, Boero,Cofide, Benetton, Camfin, Italcementi, Aeffe, Vianini Ind. e Pierrel.

ALTRI TITOLI

Astaldi (EUR4,585): il Sindaco di Milano ha decretato l’affidamento a Metro 5 S.p.A., di cui la Astaldi è leader con il 23,3%, dell’estensione della concessione per la realizzazione della Linea 5 della metropolitana di Milano dalla Stazione Garibaldi allo Stadio San Siro. Il valore dell’investimento per la nuova tratta è di EUR901,0 mln.

Enel (EUR3,73): ha archiviato il 1H10 con un utile netto di EUR2,425mld, in calo del 31,2% rispetto al 1H09 che si era avvantaggiato di componenti straordinarie. L’Ad Fulvio Conti ha detto di “prevedere unmargine operativo lordo per l’intero 2010 superiore a quello già indicato al mercato”, pari a EUR16,0 mld.

VALUTE E COMMODITIES

Sul mercato dei cambi, colpito da vendite di esportatori nipponici in vista della fine del mese e dai timori sulle prospettive per l’economia Usa, il cross dollaro/yen negli ultimi scambi sulla piazza asiatica scivola al record negativo degli ultimi otto mesi a 86,22.

In vista delle statistiche chiave in arrivo nel primo pomeriggio dagli Stati Uniti in merito alla crescita nel secondo trimestre si torna almeno temporaneamente a scommettere su una nuova correzione del dollaro/yen. La valuta nipponica non sembra risentire della lettura decisamente inferiore alle attese dei dati sulla produzione industriale giapponese di giugno. Intorno alle 09:00 lo yen scambia a 86,50 sul dollaro e a 113,0 sull’euro, mentre la moneta unica quota a 1,3075 nei confronti del dollaro.

Sul fronte delle commodities, nelle ultime battute sulla piazza asiatica i derivati Usa sul greggio scivolano a ridosso dei USD78,0 al barile, mentre l’attenzione degli investitori guarda con timore al rallentametodell’economia globale e all’accumulo delle scorte Usa.

OBBLIGAZIONI E MONETARIO

Partenza in deciso denaro per i derivati sul decennale tedesco, contratto di riferimento per l’intero obbligazionario della Zona Euro, in attesa di una correzione dei listini di borsa europei sulla scia di Wall Street e delle piazze asiatiche.

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito il disclaimer ufficiale di WSI.