Tesla nei guai, WSJ: “Chiesti soldi indietro ai fornitori”

23 Luglio 2018, di Alessandra Caparello

Che Tesla sia nei guai è cosa nota da un po’ di tempo e ora la conferma arriva dal Wall Street Journal secondo cui la casa automobilistica guidata da Elon Musk starebbe chiedendo denaro cash ai propri fornitori, per rimborsare parte di ciò che è stato già speso.

Una notizia che solleva interrogativi sulla situazione delle finanze della società, ridotta in seguito ad alcuni problemi di produzione. In una nota fornita al WSJ indica come  Tesla ha chiesto ai fornitori di restituire ciò che definisce una quantità significativa di denaro sui suoi pagamenti dal 2016. Nella nota si affermava che a tutti i fornitori veniva chiesto di aiutare l’azienda a diventare redditizia.

La società di auto elettriche ha rifiutato di commentare la nota specifica, ma ha confermato che sta cercando di ottenere riduzioni di prezzo dai fornitori per i progetti. Secondo gli analisti è  insolito per un produttore di automobili chiedere un rimborso per il lavoro passato.

“È semplicemente ridicolo e dimostra semplicemente che Tesla è disperata in questo momento”, ha detto Dennis Virag, un consulente di produzione che lavora nell’industria automobilistica da 40 anni.

Tesla ha bruciato denaro contante al tasso di circa 1 miliardo di dollari al trimestre e ha chiuso il primo trimestre con 2,7 miliardi di dollari in contanti, ma ha faticato a bilanciare il suo desiderio di crescita con le spese per il lancio di nuovi veicoli e la costruzione di infrastrutture a sostegno della sua attività.

Roger McNamee, co-fondatore di Elevation Partners, discutendo alla Cnbc dell’impatto che le recenti imprese di Elon Musk – l’ultima il tweet contro uno dei soccorritori dei ragazzini intrappolati in una grotta in Thailandia –  potrebbero avere sul prezzo delle azioni e sul marchio Tesla non ha dubbi:

“Se il marchio Tesla viene danneggiato in modo materiale, è finito”: