Tasse fino al 74%, così muoiono le piccole imprese

13 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Sotto il Vesuvio, anche per colpa della spazzatura. All’ombra delle Due Torri, per l’Imu impazzita. I piccoli artigiani muoiono di tasse. Statali, ma soprattutto locali.

Nelle ventuno città capoluogo una pressione fiscale da record, pari al 66,27% nel 2012, sta uccidendo le botteghe italiane: calzolai, erboristi, sarti, fabbri, corniciai, falegnami. A Napoli e Bologna peggio che altrove.

La prima, col 74,16% di reddito d’impresa risucchiato dal fisco (quasi tre quarti), guida la classifica dei tartassati. La seconda, al 73,29%, quella del rialzo in dodici mesi (quasi dieci punti in più).

Ma quel che è peggio, nessuna delle grandi città scende sotto il 61,18%, toccato alla “fortunata” Trieste. E se gli enti locali, quest’anno, decidessero di spingere ancora sull’acceleratore, portando le aliquote al massimo consentito, si arriverebbe al primato: 70% in tasse, 254 giorni per pagarle, fino all’11 settembre della catastrofe fiscale.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved