SVIZZERA, DONNE DECISIVE NEI REFERENDUM SU AMBIENTE E SERVIZI PUBBLICI

6 Febbraio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Berna, 5 feb – Lo strumento del referendum è uno dei pilastri della democrazia svizzera, un istituto che le autorità federali coltivano e controllano con la massima cura. E’ di oggi la presentazione di un rapporto riguardante i comportamenti di genere in occasione delle consultazioni popolari. Il risultato è che se in linea di massima tra le decisioni delle donne e degli uomini non vi sono differenze specifiche legate al genere, alcune differenze si manifestano tuttavia in relazione a singoli temi: così le donne tendono a votare in favore dell’ambiente, del servizio pubblico e di gruppi sociali svantaggiati. Questa è appunto la conclusione cui giunge il rapporto VOX 2006 sulle linee di tendenza redatto dall’istituto di ricerche Gfs.bern su incarico della Cancelleria federale e basato su un’analisi secondaria dei dati concernenti i referendum. La parte speciale del rapporto è dedicata all’influenza del genere sul comportamento alle urne, mentre la parte generale esamina la fiducia dei cittadini nelle istituzioni, il legame dei votanti con i partiti e le associazioni come pure i canali utilizzati per la formazione dell’opinione prima delle votazioni popolari. Il rapporto dimostra che le scelte politiche delle donne furono determinanti per l’esito delle votazioni sulla legge sul mercato dell’energia elettrica e sull’iniziativa contro gli abusi in materia di asilo. Per contro, gli uomini danno maggiore peso al punto di vista degli ambienti economici: così ad esempio il rifiuto dell’iniziativa sui servizi postali per tutti fu dovuto alle scelte politiche dei maschi. Il rapporto VOX mostra inoltre che la fiducia dei votanti nel Governo e nelle istituzioni si mantiene a un livello stabile, seppur basso. Nel maggio 2004 la fiducia aveva raggiunto un minimo storico in relazione al cosiddetto pacchetto fiscale; in seguito è di nuovo migliorata ed è attualmente stabile, ma tuttora sotto il livello medio degli ultimi anni.