SVEZIA, LA CORTE UE LIBERALIZZA L’ALCOL

5 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Lussemburgo, 5 giu – La Corte di Giustizia europea ha dichiarato illegittimo il divieto di importazione di bevande alcoliche da parte di privati in Svezia. “Questa misura – afferma la Corte – è inidonea a conseguire l’obiettivo di limitare in via generale il consumo di alcol e non è proporzionata al conseguimento dell’obiettivo di proteggere i più giovani contro le sue
conseguenze nocive”. Ai sensi della legge svedese sull’alcol, la vendita al dettaglio di bevande alcoliche in Svezia è effettuata da un monopolio controllato dallo Stato. Il ricorso alla Corte è stato promosso dal signor Klas Rosengren e da altri cittadini svedesi che, dopo aver ordinato per corrispondenza alcune casse di bottiglie di vino spagnolo, se le erano viste sequestrare dalla dogana di Göteborg. Secondo i giudici europei “il divieto ai privati di importare le bevande alcoliche costituisce una restrizione quantitativa della libera circolazione delle merci”. Restrizione alla quale va aggiunta un’ ingiustificata imposta del 17% che il monopolio richiede agli acquirenti. Morale: d’ora in poi in Svezia l’alcol scorrerà più abbondante e sarà meno costoso.