Altroconsumo, i supermercati italiani più convenienti nel 2020

16 Settembre 2020, di Alberto Battaglia

Come i consumatori più accorti sanno bene, il medesimo prodotto può presentare un prezzo anche molto differente, nel confronto fra una catena di supermercati e l’altra.

Secondo l‘inchiesta annuale di Altroconsumo, che ha coinvolto 1.869 ipermercati e supermercati e 194 discount su tutto il territorio nazionale, nel 2020 lo stesso prodotto può subire variazioni nel prezzo fino al 340%. Il prodotto venduto nel supermercato più caro, dunque, può costare anche più di quattro volte rispetto alla catena più conveniente.

Una spesa tipo fatta nei posti più strategici può arrivare a far risparmiare anche più di 1.700 euro in un anno, ha scritto Altroconsumo (stimando un esborso medio annuo di 6.570 euro per la spesa).

Quali sono le catene che risultano meno onerose per il portafogli? La risposta dipende dal tipo di spesa che si intende fare. La nota associazione dei consumatori ne ha simulate quattro: la spesa con soli prodotti di marca; a marchio commerciale; prodotti economici e, infine, prodotti biologici.

Se però si considera un paniere composto da tutti i prodotti in assortimento, tra i supermercati e ipermercati la catena più conveniente risulta Famila, mentre tra i discount si classifica in prima posizione Aldi, seguito da Eurospin ed MD.

Di seguito, invece, i risultati dell’analisi più specifica.

Spesa con prodotti di marca

  1. Ipercoop, Esselunga Superstore (a pari merito)

Spesa con prodotti a marchio commerciale

  1. Dok
  2. Conad

Prodotti economici

  1. Aldi, Eurospin, MD e Penny Market (a pari merito)

Prodotti bio

  1. Dok
  2. Famila, Todis (a pari merito)

Le variazioni i prezzo durante il lockdown

“I prezzi della grande distribuzione hanno subito particolari variazioni durante il periodo del lockdown, pari quasi al 4-5% con punte del 9% per i detergenti”, ha comunicato Altroconsumo, affermando di essersi “impegnata a monitorare e segnalare costantemente gli aumenti di prezzo durante questa fase critica, e oggi i rincari sui prodotti sono rientrati quasi del tutto, fanno, infatti, eccezione esclusivamente quelli di frutta e verdura”.

Le città più convenienti

Secondo Altroconsumo la città in cui si riscontra la maggiore convenienza è Milano, dove i cittadini possono risparmiare fino a 1.769 euro. Parlando di punti vendita, invece, lo store più economico è Conad City Spesa Facile a Pordenone, città in cui si riesce ad ottenere un risparmio pari a circa a 1.100 euro.

Ponendo l’attenzione sui territori in cui si trovano i supermercati più convenienti, emerge che a determinare il livello di risparmio è il maggiore grado di concorrenza.
Per questo motivo, risulta che nelle città meridionali, dove la concentrazione di insegne è più bassa, le possibilità di risparmio diminuiscono drasticamente: bisogna, infatti, arrivare alla 18sima posizione della classifica prima di trovare una città del Sud, Napoli. Come evidenziato dall’analisi, in città in cui c’è meno concorrenza, come Lecce o Taranto, si può arrivare ad un risparmio annuo di massimo 300 euro.