Suicidi nel mondo dell’alta finanza: a New York trader si butta sotto un treno

13 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Si allunga la carrellata di suicidi nel mondo dell’alta finanza. L’ultima vittima del cocktail finanza-depressione è Edmund (Eddie) Reilly, 47 anni, trader presso la società di Vertical Group, a Midtown, che ha deciso di porre fine alla propria vita gettandosi sotto un treno della linea LIRR (Long Island Rail Road), alle 6 ora locale, alla stazione Syosset.

“Eddie era davvero una brava persona – ha commentato in una intervista rilasciata al New York Post Rob Schaffer, managing director presso Vertical – Siamo molto sconvolti e ci mancherà molto”.

Divorziato, con tre figli, l’uomo aveva preso in affitto un appartamento vicino a quello della sua ex moglie, a East Norwich, nello stato di New York.

Sale a 10 vittime il bilancio dei banchieri che si sono tolti la vita dall’inizio dell’anno.

E’ finito il delirio di onnipotenza: ecco perchè aumentano suicidi a Wall Street

Un altro suicidio nel mondo della finanza

Morti nell’alta finanza, terzo suicidio in meno di una settimana

Strana morte nel mondo dell’alta finanza, 39enne si butta da edificio JP Morgan

Suicidio: consigliere delegato del colosso auto Tata si è buttato dalla finestra