Stuprata, ma polizia non può aiutarla: “Colpa dei tagli”

24 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nell’ Oregon, Stati Uniti, una donna, chiamando la polizia per essere stata assalita dall’ex fidanzato si è sentita dire che nessuno poteva venirla a soccorrere a causa dei tagli del personale, lo riporta la CBS.

La chiamata che è avvenuta nell’Agosto del 2012 è stata poi inoltrata all’Oregon State Police perché, come detto, i tagli all’ Josephine County Sheriff’s Office permettevano al dipartimento di rimanere aperto solo da Lunedì a Venerdì.

La donna aveva anche riferito che l’uomo l’aveva già assalita due settimane prima facendola finire all’ospedale, ma la risposta della polizia locale è stata: “Uh, mi dispiace ma non ho nessuno da mandare”. E cosí non avendo nessuno che le venisse in aiuto è stata soffocata e poi aggredita sessualmente. L’uomo invece è stato arrestato dalla polizia dell’Oregon, ma solo dopo l’incidente.

Il dipartimento dello sceriffo della contea, dove è avvenuto l’incidente, ha dovuto licenziare 23 persone oltre all’intera unità crimini in seguito ai tagli. Ora sono rimasti solo in sei.

In un comunicato stampa lo sceriffo ha anche avvertito che in caso di violenze domestiche sarebbe il caso di “prendere in considerazione di trasferirsi in una zona con adeguati servizi di polizia.”