Stress da mercato azionario? Ecco alcune alternative per i vostri soldi

26 Agosto 2019, di Alessandra Caparello

“Il mercato azionario crolla”, “La prossima recessione sarà brutale”, “Mercati in subbuglio” sono solo alcuni dei titoli catastrofici che oggi giorno si leggono mettendo in allarme i risparmiatori. Le recenti notizie che arrivano dal mondo della finanza e dall’economia mettono a dura prova i nervi di chi investe i propri risparmi che si chiede oggi cosa può fare per difendersi da una recessione in atto.

“Il motivo valido per costruire un portafoglio diversificato è quello di affrontare recessioni come questa o anche peggiore”, dice Greg McBride di Bankrate.com come riporta Cnbc.
Se non l’avete già fatto, potete sempre spostare parte del vostro denaro lontano dalle azioni e in luoghi dove i rendimenti non sono sì strabilianti, ma almeno sono costanti e più promettenti. Paradisi sicuri come le obbligazioni e i certificati di deposito possono proteggere i grandi guadagni che gli investitori hanno accumulato nell’ultimo decennio se il mercato dovesse continuare a perdere terreno.

Le obbligazioni in particolare sono una buona opzione per gli investitori interessati alla “conservazione del capitale”, ha sottolineato Richard Bernstein, ex analista capo degli investimenti alla Merrill Lynch che ora gestisce una propria azienda. Negli ultimi cinque anni, il Fidelity U.S. Bond Index Fund ha avuto un rendimento medio annuo del 3%.
E nell’ultimo decennio, il fondo ha perso valore in un solo anno, con un calo del 2,19% nel 2013. Il fondo Vanguard Total Bond Market Index ha avuto un rendimento medio del 3,69% nell’ultimo decennio.  Stanno andando particolarmente bene negli ultimi tempi i “muni-bond“, i “municipal bond”, le obbligazioni emesse da enti ed amministrazioni locali il cui rendimento medio di quest’anno è del 4,5%, secondo Morningstar.

Oltre ai bond si può investire nell’oro. Livelli di incertezza senza precedenti hanno fatto sì che nell’ultimo anno l’oro abbia sovraperformato le azioni e le obbligazioni. Un’oncia d’oro vale oggi circa 1.500 dollari, rispetto ai 1.200 dollari di un anno fa.

“Mettere solo il 5% del vostro portafoglio in oro può fare molto per traghettarci attraverso vari crolli di mercato”, ha detto Joseph Foster, manager del Van Eck International Investors Gold Fund secondo cui i tempi buoni per l’oro potrebbero continuare.”Vedremo l’oro arrivare molto più in alto di oggi se ci dirigiamo verso una recessione globale”. E’ bene tenere a mento però che l’oro è un bene molto volatile. Infine è bene investire in conti di risparmio e CDS da cui è possibile ottenere rendimenti decenti.