Storia Boeing: tutto sul colosso dell’aviazione

23 Aprile 2019, di Livia Liberatore

Con sede a Chicago, e gli stabilimenti a Seattle, Boeing è la più grande costruttrice statunitense di aeromobili e la più grande azienda nel settore aerospaziale. La compagnia ha una lunga storia fatta di successi e momenti di difficoltà. Nel 2019 è finita sotto i riflettori dopo lo stop al suo 737 Max in seguito a due incidenti mortali, in Indonesia e in Etiopia, nel giro di cinque mesi e a marzo ha avuto un tonfo in Borsa.

Impiega oltre 153 mila persone negli Stati Uniti e in 65 paesi. Si compone di tre divisioni principali: aerei commerciali, difesa, spazio e sicurezza e Boeing Global Services, che è entrata in funzione il 1° luglio 2017. A supporto di queste unità c’è Boeing Capital Corporation, che si occupa di soluzioni finanziarie e di leasing per aerei commerciali, prodotti militari e spaziali.

Boeing è stato il principale produttore di jet di linea commerciali per decenni. Oggi l’azienda produce le famiglie 737, 747, 767, 777 e 787 e la gamma Boeing Business Jet. I nuovi progetti di sviluppo di prodotti includono Boeing 787-10 Dreamliner, 737 MAX e 777X. Più di 10.000 velivoli commerciali costruiti dall’azienda sono in servizio in tutto il mondo, che è quasi la metà della flotta mondiale.

Storia della compagnia Boeing

La Boeing venne fondata il 15 luglio 1916 da William Boeing, insieme a George Conrad Westervelt, un ingegnere della marina degli Stati Uniti. Negli anni Trenta, grazie ad un accordo con la Pan American World Airways, costruì il Clipper, un idrovolante civile transoceanico che volò per la prima volta nel 1938. Divenne il più grande aereo civile dell’epoca, capace di trasportare 90 passeggeri nei voli diurni e 40 in quelli notturni. L’anno successivo, venne inaugurato il primo servizio regolare di linea tra gli Stati Uniti e il Regno Unito.

Il 15 luglio 1954 il modello 707, il primo jet di linea statunitense, effettuò il suo primo volo e fu consegnato per la prima volta alla Pan American il 15 agosto 1958. La data segna l’inaugurazione dei voli di linea sulla rotta fra New York e Parigi. Grazie al 707 gli Stati Uniti diventarono leader mondiali nel settore dei jet commerciali.

Nel 1967, l’azienda introdusse sul mercato un altro aereo di linea da corto e medio raggio, il bimotore B737, che divenne l’aereo di linea più venduto nella storia dell’aviazione. In seguito, gli anni Settanta furono un periodo di crisi. Il programma Apollo, al quale la compagnia aveva partecipato nel decennio precedente, venne quasi completamente cancellato. Anche il settore civile era in recessione per cui per molto tempo il gigante dell’aviazione non ricevette ordini.

Negli anni recenti Boeing ha visto accrescersi la competitività di Airbus, nato nel 1970. Oggi il costruttore europeo si classifica al secondo posto come produttore di aerei civili al mondo per numero di consegne dopo Boeing.

Boeing in Italia

Come ricostruisce Boeing Italia oggi otto compagnie aeree italiane operano con 55 aerei dell’azienda. Aerei Boeing AV-8B sono in servizio con la Marina Militare, mentre gli elicotteri Chinook dell’Esercito hanno partecipato a operazioni di aiuto umanitario in diversi continenti.

Presente nel nostro Paese da più di 65 anni, la compagnia ha oggi 150 dipendenti. Ha stretti rapporti con l’industria aerospaziale e di difesa italiana e con le compagnie aeree. La collaborazione comprende partnership con Leonardo-Finmeccanica per il 787 Dreamliner e per i nuovi elicotteri CH-47F destinati all’Esercito. Altre attività di collaborazione riguardano GE Avio e UmbraGroup.