STM IN CALO, IGNORA ACCORDO MEMORIA FLASH

3 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

STMicroelectronics è in calo a Piazza Affari, dove è tornata al di sotto dei €40.

Il titolo della società italo-francese che produce semiconduttori lascia l’1,14% a €39,95, dopo un minimo nel corso della mattina a €39,80.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

La quotazione è influenzata dalla debolezza dimostrata finora dal future sul Nasdaq, solo ora marginalmente positivo; inoltre risente dalle notizie giunte ieri, lunedì, dall’americana Semiconductor Industry Association secondo cui le vendite globali di semiconduttori sono calate in maggio del 7% rispetto al mese precedente, portandosi cosi’ a $12,71 miliardi.

Al contrario, non beneficia dell’annuncio fatto oggi dalla società sul raggiunto accordo di cooperazione con SCI Systems (SCI – NYSE), uno dei principali fornitori al mondo di Electronic Manufacturing Services (EMS, servizi di produzione elettronica), per la fornitura di memorie Flash, che vengono applicate nei set-top box, negli hard disk drive e nei telefoni portatili.

Nel corso del 2001 la SCI ha la possibilità di acquistare da STMicroelectronics fino al 50% del suo fabbisogno mondiale di memorie Flash; nel 2002 questa percentuale potrà salire fino al 70%.