Stivale primo in Europa per tangenti all’estero

6 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Italia fanalino di coda tra i Paesi europei per l’alto livello di disponibilità delle proprie imprese a prestarsi ad atti di corruzione all’estero. È quanto emerge dall’Ipce 2006, l’indice di corruzione dei Paesi esportatori, pubblicato due giorni fa dall’organizzazione Transparency Internationalper valutare la propensione delle aziende dei trenta principali Paesi esportatori del pianeta a versare mazzette al di fuori dei confini nazionali.