Standard’s & Poor’s declassa l’Italia. Cosa rischia il nostro Paese

10 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (ADVISE ONLY) – L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato il giudizio sull’Italia da BBB+ a BBB, con outlook negativo. La decisione dell’agenzia di rating riflette la prospettiva di un ulteriore peggioramento dell’economia italiana in un decennio in cui la crescita reale media è stata al di sotto dello 0,04%. Abbassate anche le previsioni sul PIL per il 2013, a -1,9% (da -1,4%). Il rapporto debito/PIL è visto al 129% alla fine dell’anno.

Secondo S&P la bassa crescita dell’Italia deriva in gran parte dalla rigidità nel mercato del lavoro e della produzione, il costo del lavoro è più alto che in qualunque altro Paese dell’UE. Problemi annosi, che devono trovare una soluzione politica forte e condivisa e che, per l’agenzia americana, ancora non sono stati presi neanche in considerazione. L’outlook è negativo, dicevamo, con il 33% di possibilità di abbassarlo ancora nel 2013 o nel 2014.

Oltre ai noti fattori economici, pesa sul giudizio dell’agenzia di Rating il rischio del rispetto dei vincoli di bilancio. Nel comunicato ufficiale, S&P nutre qualche dubbio sulla capacità della traballante coalizione di saper trovare le risorse necessarie per compensare il rinvio o rimodulazione dell’imposta sugli immobili (IMU) e l’aumento dell’IVA (elementi di contrasto tra i partiti di coalizione: PD e PdL).

Con questo taglio operato dall’agenzia, il nostro Paese è solo un gradino sopra il livello di “junk”, cioè spazzatura. Questo cosa comporterebbe? Un bel problema per l’Italia, visto che i suoi bonds (ricordiamo che siamo la quarta nazione al mondo come mercato obbligazionario, come peso, forza ed emissioni) verrebbero automaticamente scartati da tutti quei fondi, nostrani e non, che non possono detenere titoli “spazzatura” in portafoglio. Questo per obbligo imposto dalle autorità ai gestori, le ripercussioni sarebbero pesanti.

Si spera che questo declassamento, che il Tesoro ha definito “con motivazioni retrospettive e non condivisibili“, consolidi la convinzione all’interno del Governo Letta di attuare riforme vere e senza paura, non perchè sono suggerite da S&P e dall’FMI, ma più in generale dal buon senso.