Spagna, Rajoy: rischiamo di non avere piu’ accesso ai mercati

16 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Il presidente del Consiglio spagnolo, il conservatore Mariano Rajoy, ha avvertito che il paese rischia seriamente di non avere piu’ accesso ai mercati per finanziari. I costi sugli interessi sono diventati infatti troppo elevati.

Fin dalla prima mattina e’ forte la tensione sui titoli di stato della periferia dell’area euro, con lo spread sui Bonos spagnoli che ha sfondato quota 500 punti (500,5) con un rendimento del decennale che si e’ issato al 6,45%.

Moody’s, intanto, sarebbe pronta a tagliare il rating di 21 istituti di credito spagnoli, dopo aver fatto altrettanto nei confronti di 26 banche italiane. Lo rivela oggi il quotidiano economico spagnolo Expansion.

“Fonti dell’ambiente finanziario spagnolo sono convinte che l’agenzia ridurra’ in maniera significativa il rating di diversi istituti – ha scritto oggi il giornale – l’annuncio potrebbe arrivare nell’arco di una settimana secondo fonti di Borsa”.

Nell’articolo di Expansion si precisa che sono 21 le banche nel mirino dell’agenzia di rating americana. I gruppi iberici hanno la pancia piena di asset immobiliari, diventati tossici in seguito allo scoppio della crisi del real estate, di cui stanno cercando di liberarsi.

Ieri l’agenzia di rating aveva declassato il giudizio sul credito di 26 banche italiane, scatenando le furie dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e una serie di commenti da parte degli analisti

.