SPAGNA: MEDICO CONDANNATO A DUE MILLENNI DI CARCERE

15 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Madrid, 15 mag – Quasi due millenni di carcere, 1933 anni per la precisione: questa la condanna emessa dal tribunale di Valencia ai danni dell’anestesista Juan Maeso Vélez, accusato di aver infettato con il virus dell’epatite C ben 275 pazienti che hanno subito degli interventi chirurgici in quattro ospedali della città tra il 1988 e il 1997. L’uomo è stato condannato a sette anni di carcere per ognuno dei pazienti infettati e ad otto anni per l’omicidio preterintenzionale di quattro persone, per un totale appunto di 1933 anni, di cui ne sconterà venti, soglia massima prevista dalla legge iberica per i reati contestati. L’uomo dovrà anche pagare una multa di circa un milione di euro, questi senza sconti.