Sorpasso Ferrari: in Borsa vale più di GM e Ford

5 Maggio 2020, di Mariangela Tessa

Sorpasso storico in Borsa tra i big delle quattro ruote: da ieri la capitalizzazione di mercato della Ferrari, alla Borsa Usa, è salita a 30 miliardi di dollari, superando così il valore della General Motors e quello della Ford, rispettivamente a $ 29,3 miliardi e $ 19,2 miliardi.

Il balzo in avanti, sostenuto dalla crescita del titolo (+7%), è avvenuto in concomitanza con la pubblicazione delle vendite dei primi tre mesi dell’anno.

Nonostante lo stop alla produzione di marzo, nel primo trimestre 2020, la Ferrari ha consegnato 2.738 vetture in aumento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Dal punto di vista finanziario il primo trimestre si è chiuso con un utile netto di 166 milioni di euro, in calo dell’8% rispetto all’analogo periodo del 2019. I ricavi netti sono pari a 932 milioni “quasi in linea con l’anno precedente, nonostante la flessione dei ricavi generati dalla F1 e altri ricavi”.

Anche se la Ferrari produce solo 10.000 auto all’anno contro i 7,7 milioni della GM (dati 2019), gli investitori scommettono che il il gruppo, grazie a prezzi e i margini di profitto più elevati, mostrerà una maggiore capacità di resistenza alla crisi.

Il valore del marchio Ferrari e la domanda per le sue auto sportive, con un prezzo compreso tra $ 215.000 e oltre $ 1 milione, hanno permesso all’azienda di mantenere margini del 24%, nettamente al di sopra di quelli della maggior parte dei produttori di automobili, che restano inferiori al 5%.

Durante una telefonata con gli investitori, l’amministratore delegato Louis Camilleri ha dichiarato che, mentre negli Stati Uniti e in Australia ci sono stati “diversi annullamenti” di ordini di auto, “finora non ci sono luci rosse che lampeggiano in alcuna area geografica”.