Sogefi sigla JV con Imperial Auto per mercato indiano

2 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Sogefi, società di componentistica del gruppo CIR, e il gruppo Imperial Auto, uno dei più importanti operatori indiani del settore, hanno perfezionato oggi un accordo di joint-venture per la produzione di componenti per sospensioni in India. L’operazione prevede l’investimento da parte del gruppo Sogefi e di Imperial Auto in una nuova società denominata Allevard IAI Suspensions, nella quale sarà conferita l’attuale attività di Imperial Auto nelle barre stabilizzatrici. Il gruppo Sogefi sarà l’azionista di controllo della società con una quota del 51% del capitale. La joint-venture produrrà barre stabilizzatrici per autoveicoli, destinate a costruttori che operano nel mercato indiano. Allevard IAI Suspensions prevede di trasferire la produzione attualmente realizzata da Imperial Auto in un nuovo stabilimento nell’area di Pune che sarà dotato delle più moderne tecnologie europee in termini di prodotto e di processo. L’investimento previsto dal gruppo Sogefi è di 2 milioni di euro per il biennio 2010-2011. L’obiettivo di Allevard IAI Suspensions è generare ricavi per circa 5 milioni di euro nel 2012, portando il fatturato complessivo del gruppo Sogefi in India a circa 15 milioni di euro. Sogefi è presente nel paese dal dicembre del 2008, quando siglò una joint-venture con il gruppo MNR nel settore della filtrazione. Questa joint-venture ha ottenuto nel 2009 ricavi per 5,5 milioni di euro e nel 2010 sta registrando tassi di crescita superiori al 60%. “La nuova joint-venture – commenta Emanuele Bosio, amministratore delegato di Sogefi – rientra nella strategia di crescita di Sogefi nei mercati emergenti. Questa iniziativa rappresenta una ulteriore tappa dello sviluppo del gruppo nel mercato indiano, nel quale ora opera in entrambe le linee di business. Il nostro obiettivo è affermarci come uno dei principali produttori di filtri motore e componenti per sospensioni in India, un paese che insieme alla Cina è dotato di uno dei mercati automobilistici mondiali con le maggiori prospettive di crescita nei prossimi anni”.