Singapore amplia la banda d’oscillazione della sua divisa

14 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Con una mossa a sorpresa Singapore ha ampliato la banda d’oscillazione della propria divisa, lasciando che questa si spingesse a massimi record contro il dollaro. Il cross USD/SGD scambia a 1,30. L’autorità monetaria ha detto di voler ampliare la fascia di oscillazione del dollaro di Singapore nei confronti di un paniere di valute per consentire una “rivalutazione modesta e graduale” della propria moneta. La decisione di politica monetaria restrittiva è venuta dopo che Singapore ha annunciato un’economia in contrazione ad un tasso annualizzato del 19,8% nel terzo trimestre, deludendo le attese degli analisti che si aspettavano una flessione del 17,5%. Tale azione potrebbe essere presa ad esempio da altre nazioni asiatiche, inclusa la Cina, in vista dei meeting dei ministri delle finanze del G20 in Corea il 22-23 ottobre e del vertice tra i capi di Stato e di governo dei G20 l’11-12 novembre. Al momento gli immediati effetti di questa mossa sono l’indebolimento del biglietto verde e il conseguente rialzo del prezzo dell’oro e di altre commodities.