SIEMENS, 45 MILIONI PER IL SINDACATO “GIALLO”

30 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Berlino, 30 mag – 45 milioni di euro per finanziare un sindacato “giallo” e ricompensare il suo leader. E’ questa l’ultima novità dell’inchiesta giudiziaria sui fondi neri Siemens. Il sindacato si chiama Aub (Arbeitsgemeinschaft Unabhängiger Betriebsangehöriger) e dichiara 32 mila iscritti. Avrebbe dovuto, secondo i vertici Siemens, fare concorrenza alla Ig Metall, la storica e ben più rappresentativa organizzazione dei metalmeccanici tedeschi. Il sindacalista si chiama Willhelm Schelsky, è in prigione da febbraio e ora ha deciso di parlare con il settimanale Stern. “Ho fatto per anni il lobbysta a vantaggio dell’azienda, naturalmente in modo riservato. Avevo avuto l’incarico direttamente dai vertici”. I compensi venivano accreditati a una società di famiglia, come corrispettivo di una generica consulenza. “Avevo piena libertà d’azione, nessuno mi ha mai chiesto conto del modo in cui utilizzavo il denaro”, ha detto Schelsky, che ora spera nella libertà provvisoria.