Sentiment rimane negativo, chiamata all’azione per la Bce

25 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Legnano – Sentiment di mercato che continua a rimanere negativo, con tutte le salite che vediamo sui mercati che possono essere ricondotte a movimenti correttivi su trend decrescenti sul rischio che appaiono ben definiti. Tutto questo è dovuto certamente alla mancanza di chiare vedute sul futuro da parte degli investitori ed al fatto che molte banche centrali hanno deciso di mantenere invariate le proprie politiche di stimolo all’economia, in attesa di capire come decide di comportarsi la BCE.

Già, perché l’istituto centrale capitanato da Draghi, sembra stia prendendo le distanze dal mercato, attendendo che i capi di governo arrivino a creare maggiore unità dal punto di vista fiscale. Draghi è un sostenitore degli eurobond, ma fino a quando la Germania non cambierà posizione su questi temi, non vediamo grossi spazi di manovra, il che fa percepire ancora maggiore incertezza su quanto potrà accadere in futuro.

Cominciano a circolare tra i desk richieste di interventismo da parte dell’istituto di Francoforte, che a parere di molti analisti dovrebbe mettere in campo maggior liquidità affinchè il denaro arrivi, effettivamente, all’economia reale, la situazione del mercato del credito è nera, nera come la pece e riuscire a rientrare nei primi posti delle classifiche di rating stilate nel mondo bancario risulta essere un’impresa titanica.

L’austerità può anche andar bene, ma senza crescita non si va da nessuna parte. Intanto ieri sul fronte svizzera qualcosa si è mosso, ma confermiamo quanto comunicato ieri durante le molte richieste che ci sono arrivate, anche da parte di operatori istituzionali, che non è un intervento della SNB la causa del movimento che abbiamo visto su EurChf.

Qualche minuto prima delle 15 sono iniziati acquisti di UsdChf in concomitanza della salita cui stavamo assistendo sull’EurUsd su un rumor circolato secondo il quale potrebbero essere tassati i depositi in franchi svizzeri, che se dovesse avvenire sarebbe sicuramente negativa per la valuta elvetica, ma il trade off tra il raggiungimento (parziale) dell’obiettivo della banca centrale e la potenziale massiccia fuoriuscita di capitali dalla Confederazione sconsiglierebbe di effettuare una scelta del genere, anche se, considerando il forte grado di incertezza presente, potrebbe avere effetti minori di quelli previsti, ma che a nostro parere sarebbero comunque troppo forti da non giustificare una tale azione.

EurUsd
La tendenza di fondo della moneta unica si presenta ancora fortemente ribassista, dopo la rottura di due giorni fa del minimo di 1.2625. Un grafico orario chiarisce perfettamente come questo livello sia da considerare ancora importante, anche se questa volta come resistenza e come, nei pressi di 1.2515-20, si sia venuta a creare un’area di supporto che potrebbe guidare un’ulteriore accelerazione ribassista.

UsdJpy
Nessuna novità sul cambio UsdJpy. La tendenza visibile su qualsiasi timeframe che comprenda la fine di marzo, mostra uno yen in costante ripresa. La regressione lineare che ha inizio proprio dal 20 di marzo scorso indica ancora un’area di inversione posta a 80 figura, così come un obiettivo posizionato a 78 figura.

EurJpy
Nulla cambia nemmeno sull’EurJpy, che da fine aprile mostra una costanza di calo utile per raggiungere l’obiettivo di lungo posizionato a 78.50 circa. Un grafico orario, degli ultimi due giorni, al pari di quello di eurodollaro mostra una fase di incertezza e lateralità compresa fra 100 figura e 99.40.

GbpUsd
Il cable è arrivato perfettamente a toccare l’area di supporto più interessante degli ultimi mesi, quella che già alcune volte dall’inizio dell’anno ha provato ad oltrepassare. Fra 1.56 e 1.5630 troviamo una grande quantità di tentativi di rottura e, per la prima volta da gennaio, sembra ci siano tutti i presupposti affinché questo livello venga oltrepassato.

AudUsd
Il dollaro australiano si è mosso lateralmente negli ultimi due giorni, rallentando parecchio la tendenza in calo dei giorni passati. Questo potrebbe far rientrare il movimento che si è venuto a creare su un grafico orario, come figura di continuazione ribassista. Affinché questo avvenga deve essere oltrepassato il livello di supporto dinamico che si trova a passare a 0.9725 nelle prossime ore.

Copyright © FXCM per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da FXCM Forex Capital Markets. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.