Segno più per Piazza Affari, volano Bulgari e Exor

11 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il listino milanese archivia la prima seduta dell’ottava in rialzo, fecendo meglio delle cugine europee. A caratterizzare la sessione un certo ottimismo per possibili nuove misure di allentamento monetario da parte della Fed, dopo i dati di venerdì più deboli delle attese. Da rilevare che i volumi sono stati scarsi per la festa nazionale americana del Columbus Day, con il mercato obbligazionario e gli uffici federali chiusi. Sul valutario l’euro continua a ripiegare nei confrointi del dollaro con il cross che si porta a 1,3889 usd. Intanto non è stata raggiunta nessuna posizione comune sul mercato valutario durante il vertice dei sette grandi a Washington. Tuttavia Zhou Xiaochuan, governatore della Banca Popolare Cinese, ha dichiarato che la Cina consentirà un ulteriore apprezzamento dello yuan a un ritmo lento, fino a quando lo sviluppo economico del Paese sarà ancora in pista e l’inflazione rimarrà relativamente bassa. Tra le commodities il petrolio scende a 82,44 dollari al barile, mentre l’oro torna a correre con il future in scadenza a dicembre a 1.346 dollari l’oncia. Buone notizie dal fronte macro tricolore, con la produzione industriale che torna a correre on agosto. Il Ftse All-Share termina con un vantaggio dello 0,44% a 21.450 punti, il Ftse Mib dello 0,42% a 20.837 punti. Segni misti sul paniere principale, che vede in cima ai guadagni una Bulgari scatenata in scia al buon giudizio ricevuto dalla rivale Richemont, che sembra aver fatto salire l’appetito per il lusso. Bene anche Luxottica . Nella newsletter la Consob, ha stabilito che l’operazione di riassetto societario di Delfin, società di diritto lussemburghese che controlla Luxottica con 67,8% del capitale, persegue finalità familiari e successorie e non modifica l’effettivo controllo esercitato da Leonardo Del Vecchio sulla holding. Ottima Exor che beneficia sia del rally odierno dei finanziari in scia all’attesa per le mosse future della Fed, che di una serie di notizie sulla controllata Fiat. Quest’ultima ha messo a segno il terzo rialzo consecutivo in un settore europeo ben impostato. Tra l’altro la controllata CNH Global NV continua a beneficiare delle prospettive del Dipartimento statunitense dell’Agricoltura sul mercato dei cereali. Deboli le banche ad eccezione di Intesa Sanpaolo e Mediobanca. Quest’ultima mette a segno una performance particolarmente positiva dopo aver stimato che il risultato netto per l’esercizio 2010-2011 potrebbe mostrare una dinamica positiva. Denaro su Fondiaria Sai sul persistere di speculazioni attorno al futuro della compagnia. Il magnate francese Vincent Bollorè ha comunicato a Consob di essere salito al 2,385% del capitale di Premafin, finanziaria a cui fa capo Fondiaria Sai. Sempre nella galassia Ligresti positiva Milano Assicurazioni. Positiva Generali: Francesco Gaetano Caltagirone, ha aumentato la propria partecipazione, acquistando altre 100mila azioni. Corre STMicroelctronics galvanizzata dal rally di Nokia, uno dei principali clienti, dopo un buon giudizio degli analisti. Tonica Ansaldo STS che ha ottenuto una commessa da 31 milioni per la Metropolitana di Genova. Sull’ampio Datalogic festeggia l’ottima preview sui conti di prossima diffusione, mentre Brembo annuncia un accordo di fornitura con Suzuki che le vale una buona chiusura di sessione.