Segafredo ci riprova, quotazione entro la primavera

3 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI9 – Segafredo ci riprova. Dopo aver ritirato, lo scorso ottobre, il piano di quotazione, il gruppo trevigiano del caffè ritenta lo sbarco a Piazza Affari entro la prossima primavera.

A spiegare i dettagli della quotazione è Pilar Braga, direttore Segafredo Zanetti Australia e Nuova Zelanda, durante un convegno sul Food in Borsa italiana, che ha anticipato “entro il 15 maggio” il debutto in Borsa, con una quotazione che porterà sul mercato “fino al 30% della società”.

Lo scorso anno “abbiamo sospeso il processo su consiglio dell’advisor” ma l’intenzione di quotarsi è rimasta, spiega sempre Braga. Le risorse che deriveranno dall’Ipo “prepareranno il gruppo per il futuro” in vista di possibili “acquisti”. Tra gli altri obiettivi, anche “l’accesso al credito e la maggiore visibilità sul mercato”, aspetti che “contraddistinguono” le aziende quotate.

Braga ha inoltre spiegato che le motivazioni che spingono la società a quotarsi sono molteplici. Innanzitutto favorire il passaggio generazionale, ma anche sviluppare con nuove acquisizioni. Anche la maggiore facilità ad accedere al credito ed attrarre nuovi talenti hanno fatto propendere per la decisione di lanciare l’Ipo. (mt)