SEAGRAM CERCA ACQUIRENTE PER UNIVERSAL STUDIOS

4 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Seagram (VO), il gruppo che controlla attivita’ nei settori dell’intrattenimento e delle bevande, sta cercando un compratore per Universal Studios, la sua divisione cinematografica.

Alla diffusione della notizia, il titolo ha accusato un calo in borsa fin dalle prime battute: scende di 2 e 3/4 (-4,28%) a quota 61 9/16.

Gia’ da parecchio tempo circolavano le voci di una possibile vendita della divisione film, ma il Financial Times la da’ ora per imminente.

Universal Studios dovrebbe raggiungere il prezzo di 5-6 miliardi di dollari, valutando il business cinematografico a 2,5 miliardi di dollari e quello dei parchi di divertimento a 3 miliardi di dollari; potrebbe pero’ essere difficile trovare un acquirente a quel prezzo e alcuni suggeriscono la possibilita’ di un accordo di qualche altro tipo, o la vendita solo parziale.

La divisione film dell’Universal Studios ha registrato risultati misti con i film che ha prodotto e l’anno scorso ha riportato ben 200 milioni di dollari di perdita.

Edgar Bronfman Jr., il Ceo, si troverebbe quindi sotto pressione per eliminare la divisione film, ma allo stesso tempo intenderebbe sviluppare il business musicale di Universal sulla scia dell’accordo firmato da Warner Music e Emi per creare la piu’ grossa societa’ musicale.

Tra i possibili acquirenti di Universal si fa il nome di USA Network, il gruppo televisivo in cui Seagram ha una partecipazione del 46% e una opzione per il controllo, e Dreamworks SKG.

La vendita, invece, della sola divisione parchi di divertimento, potrebbe aumentare il numero degli interessati e anche il prezzo richiesto.

I parchi a tema, ad esempio, comprendono il nuovo ‘Islands of Adventure’, una joint venture al 50% con la britannica Rank che e’ costato oltre 2 miliardi e mezzo di dollari, e la proprieta’ di 2 mila acri di terreno in Florida, acquistati per evitare la dominanza di Disney nella regione.

Intanto pochi minuti dopo l’apertura della sessione di borsa il titolo Seagram e’ gia’ in rialzo dell’8%, a quota 64,3 dollari.