Saxo Bank: nel primo trimestre puntare su questi asset

9 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – E’ partito male il 2015 dei mercati finanziari che, complice un mix senza precedenti di rischi geopolitici, raggiungeranno il massimo della volatilità nel corso del primo trimestre 2015.

Riportare in equilibrio l’economia mondiale richiederà uno sforzo per affrontare il rallentamento delle economie emergenti, ma anche per mettere in atto strategie al fine di combattere il pericolo di deflazione e aumento del debito. E’ quanto riportano in una nota gli analisti di Saxo Bank che, in attesa di una schiarita, mettono nero su bianco le idee principali di investimento per il 2015.

Guardando al mercato valutario, secondo gli analisti, il 2015 sarà un anno all’insegna della volatilità con il dollaro che continuerà a rafforzarsi durante il primo trimestre e la possibilità sempre più concreta di una guerra valutaria in Asia. Tra gennaio e marzo, gli analisti consigliano di stare lunghi sul dollaro/franco svizzero ma anche di vendere Yuan in vista di un calo della valuta elvetica e della moneta cinese.

Sul fronte macro, gli esperti prevedono un aumento del Pil mondiale del 3% contro il 2,2% del 2014 grazie al calo del prezzo del petrolio, alla riduzione delle politiche di austerity nei paesi avanzati e a un aumento del commercio internazionale. Nel dettaglio delle principali economie, il Pil degli Usa è visto a +3% a fronte del +1% stimato per la zona euro.

Una crescita +2,5% è messa in conto invece per la Gran Bretagna, mentre il progresso del Pil cinese dovrebbe arrestarsi sotto il 7%, al 6,7% per la precisione.

Per quanto riguarda le borse, gli analisti di Saxo si aspettano che sarà Madrid la piazza finanziaria che correrà di più nel corso del primo trimestre. Infine, nello stesso periodo, guardando alle commodity, le stime sul Brent indicano un prezzo intorno ai 62 dollari al barile.