Salone del Risparmio, i temi green dell’edizione 2021

26 Luglio 2021, di Alberto Battaglia

Salone del Risparmio, i temi green dell’edizione 2021

Si cercherà di guardare “il cielo in una stanza” nel corso della prossima edizione del Salone del Risparmio, che dedicherò una particolare attenzione al tema della sostenibilità prendendo in prestito proprio una celebre citazione dal brano di Gino Paoli. “Alberi infiniti”, infatti è il titolo della nuova iniziativa di Assogestioni, “che simboleggia l’impegno del settore nell’affrontare la sfida ambientale” attraverso la costruzione di uno spazio verde di 600 metri quadri nell’area antistante l’ingresso del Salone. Il Salone del Risparmio, dunque, donerà a Città di Milano 625 piante, con il contributo di Amundi, Arca Fondi Sgr, BlackRock, Eurizon e J.P. Morgan Asset Management.

Salone del Risparmio, i temi dell’edizione 2021

Al Salone che si terrà al MiCo di Milano fra il 15 e il 17 settembre, però, si parlerà anche delle sfide più propriamente finanziarie. A partire dall’evoluzione del quadro normativo europeo che, fra tassonomia degli investimenti verdi e la nuova normativa Sfdr, costringerà il settore a comunicare in modo più chiaro, trasparente e soprattutto omogeneo il proprio contributo concreto alla sostenibilità.

La conferenza di chiusura, prevista venerdì 17 settembre, dal titolo “Visioni sostenibili. Strategie per l’ambiente e la società” sarà dedicata proprio alla sfida ambientale e vedrà la partecipazione del ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani e quella di Irene Tinagli, presidente della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo.

Ci sarà spazio anche per il neurobiologo vegetale Stefano Mancuso il cui intervento esplorerà il mondo vegetale per illustrare la necessità di una trasformazione radicale si si vorrà rallentare il cambiamento climatico.

L’inclusione, poi, sarà protagonista della ricerca che sarà presentata dal Politecnico di Milano: “Smart working, da necessità a scelta di inclusione”. L’obiettivo dell’indagine sarà approfondire la diffusione attuale e l’interesse per il futuro di iniziative di remote working nel settore. Il tutto con l’obiettivo di promuovere benessere, engagement e inclusione delle persone. Interverrà sul tema anche la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.