Salone del Risparmio 2022: capitale umano, inclusione e fiducia nelle analisi di Assogestioni

6 Aprile 2022, di Alessandra Caparello

Si scaldano i motori per l’edizione 2022 del Salone del Risparmio, il più grande evento di settore che permette ai differenti attori del mercato di condividere esperienze e nuove idee, stabilire nuove collaborazioni, valorizzare il proprio know-how e aggiornare la propria conoscenza su tematiche normative, fiscali ed operative riguardanti l’industria del risparmio gestito.

Salone del Risparmio 2022: i temi e gli eventi in programma

Il Salone 2022 si svolge dal 10 al 12 maggio presso MiCo – Milano Congressi ed è il primo della nuova era del neo presidente di Assogestioni Carlo Trabattoni. Sono 120 gli appuntamenti in programma, oltre 140 i marchi confermati e più di 5.000 gli iscritti a quella che si preannuncia un’edizione ancora più ricca di conferenze e approfondimenti e a tre settimane dall’apertura delle iscrizioni hanno già superato quota 5mila le iscrizioni.

La dodicesima edizione del Salone si concentrerà su tre temi diversi che sono capitale umano, inclusione e fiducia, concetti su cui si svilupperanno le ricerche e le analisi che Assogestioni presenterà in esclusiva alla dodicesima edizione del Salone del Risparmio.

Ad inaugurare la kermesse sarà la conferenza plenaria di apertura in programma martedì 10 maggio (ore 10:00 – Sala Silver) dal titolo “Umano, responsabile, digitale” che verrà aperta da Carlo Trabattoni, neopresidente di Assogestioni. Durante l’incontro verrà esplorato il contesto in cui oggi l’industria del risparmio gestito e tutte le attività economiche vengono chiamate a ripensare i propri modelli perseguendo obiettivi di impatto sulla società. Il dibattito sarà animato dall’intervento di Rachel Botsman, Trust Expert e Author Lecturer della Oxford University, che affronterà il tema della fiducia e le leve attraverso le quali questa viene costruita.

Lo sviluppo del capitale umano declinato su professionisti e risparmiatori e la creazione di valore sociale sono al centro dei progetti di ricerca promossi da Assogestioni. In un contesto macroeconomico e geopolitico in continua trasformazione, l’associazione ha deciso di analizzare le dinamiche che determinano le scelte di investimento degli italiani con la terza edizione del rapporto Assogestioni-Censis. Insieme a Valore D, verrà invece esaminato il livello di inclusione nell’industria per disegnare una roadmap che porterà ad un crescente impegno delle SGR su questo fronte. Il lavoro sarà realizzato grazie alla compilazione da parte delle società di gestione dell’Inclusion Impact Index, uno strumento che misura l’impatto organizzativo in quattro macroaree: la governance, la capacità di attrarre, sviluppare e valorizzare nel tempo i talenti al femminile.

L’appuntamento con la diversity, organizzato dall’omonimo Comitato di Assogestioni, che contribuisce da tempo al dibattito in materia, si intitola “Verso la certificazione della parità di genere nelle SGR” e si terrà martedì 10, a partire dalle 12.30 in Sala Green. L’incontro è realizzato in collaborazione con Valore D.

Infine, l’Ufficio studi dell’associazione presenterà, nella conferenza del 12 maggio (ore 9.30 – Sala Green) “I sottoscrittori di fondi comuni: identikit e prospettive future”, l’aggiornamento dell’osservatorio sui sottoscrittori di fondi comuni. Lo studio, riferito ai dati di fine 2021 consente di tracciare un identikit accurato dei risparmiatori che investono in fondi comuni italiani ed esteri. La presentazione è affidata a Riccardo Morassut, Senior Research Analyst dell’Ufficio Studi di Assogestioni e al dibattito con esperti panelist.

Il Salone si chiuderà con la plenaria di venerdì 12 maggio (ore 14:45 – Sala Silver) dal titolo “Fiducia, investimenti e conoscenza: pilastri per lo sviluppo economico e sociale”, in cui il Direttore Generale di Assogestioni Fabio Galli e il Segretario Generale Censis Giorgio De Rita presenteranno i risultati del terzo rapporto Assogestioni-Censis su risparmi e investimenti degli italiani. La conferenza ospiterà tra gli altri gli interventi di Luigi Conte, presidente di Anasf e di Marco De Rossi, Ceo di Weschool, azienda EdTech leader in Italia nell’innovazione della didattica in scuole, università e aziende.

“L’industria attraversa una fase che combina maturità e straordinarie opportunità. Maturità, alla luce dei positivi risultati conseguiti negli anni più recenti, grazie all’impegno virtuoso di istituzioni, associazioni ed operatori del settore. Questa si dovrà ora declinare in una fase di rinnovata responsabilità, consapevoli del ruolo che possiamo ricoprire nella fase di ripresa che, questi mesi ce lo confermano, sarà caratterizzata da momenti di incertezza e volatilità, ma che beneficia di solidi driver: gli investimenti strategici previsti nell’ambito del Next Generation UE, l’elevato risparmio privato, la vitalità e rilevanza strategica del nostro Paese, confermata dai nuovi operatori che decidono di investire. Come Assogestioni e come industria nel suo complesso dovremo rispondere a questa sfida, secondo precise linee di azione”.

Così le parole del presidente Carlo Trabattoni, eletto all’unanimità come successore di Tommaso Corcos.

Come iscriversi al Salone del Risparmio 2022

Le prime due giornate saranno aperte esclusivamente agli operatori del settore, la terza giornata è rivolta anche al pubblico. Iscriversi all’evento è semplice e gratuito attraverso il sito www.salonedelrisparmio.com, dove è già possibile consultare il pre-programma composto da oltre 110 conferenze, scoprire i nuovi percorsi tematici e iniziare a pianificare la propria agenda. Vi ricordiamo la conferenza di Wall Street Italia: giovedì 12 maggio, dalle 10.45 alle 11.45.