Saipem, nuovi contratti offshore per circa 700 mln euro

31 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nell’offshore per un valore complessivo di circa 700 milioni di euro. In Kazakhstan, Saipem ha acquisito da Agip KCO l’estensione del contratto ‘Kashagan Piles and Flares’ per l’installazione del sistema di infrastrutture marine nell’ambito della fase sperimentale di sviluppo del giacimento Kashagan. Il contratto, che è stato esteso fino a dicembre 2010, prevede la fabbricazione, l’assemblaggio, il trasporto e l’installazione dei pali di sostegno delle strutture marine e delle fiaccole, oltre all’installazione di 14 module barge1. Sono inoltre inclusi l’approvvigionamento, la fabbricazione e l’installazione delle relative strutture di ormeggio, di protezione e di interconnessione tra le strutture. I lavori a mare sono eseguiti dal mezzo navale di costruzione Ersai 1, appositamente realizzato. I pali e le fiaccole sono fabbricati nel cantiere di Kuryk in Kazakstan, di proprietà della Ersai, di cui Saipem detiene il 50%. Nel Regno Unito Saipem si è aggiudicata da ConocoPhillips Petroleum Company U.K. Ltd. il contratto per l’installazione di tre piattaforme nell’ambito dello sviluppo del campo Jasmine, nel settore Britannico del Mare del Nord, circa 240 km a sudest di Aberdeen. Il contratto prevede l’ingegneria, il project management, il trasporto e l’installazione a mare di tre piattaforme e delle relative strutture di collegamento, nel campo Jasmine in circa 80 metri di profondità d’acqua. Le tre piattaforme avranno un peso complessivo di circa 7.100, 11.600 e 11.700 tonnellate rispettivamente. Le attività di installazione a mare saranno eseguite dal mezzo navale Saipem 7000 nel 2011 e 2012, nel corso di diverse finestre temporali, e saranno completate nel terzo trimestre del 2012. In Norvegia, Saipem ha acquisito da ConocoPhillips Skandinavia AS il contratto per l’installazione di due piattaforme nell’ambito del progetto the Greater Ekofisk Area Development (GEAD). Il contratto prevede l’ingegneria, il project management, il trasporto e l’installazione a mare di due piattaforme e delle relative strutture di collegamento, nell’area centrale del campo Ekofisk, nella parte meridionale del settore norvegese del Mare del Nord, tra i 70 e gli 80 metri di profondità d’acqua. Le due piattaforme avranno un peso complessivo superiore alle 15.000 e 16.000 tonnellate rispettivamente. Le attività di installazione a mare saranno eseguite nel 2012 e 2013, nel corso di diverse finestre temporali, dal mezzo navale Saipem 7000 e saranno completate nel terzo trimestre del 2013. Inoltre, in West Africa Saipem ha negoziato diversi incrementi dello scopo del lavoro su contratti offshore esistenti.