Russia: importante passo in avanti nel piano che vuole morte dollaro

10 Dicembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) -“Armageddon per il dollaro” e “la cospirazione di Mosca per porre fine al dominio del dollaro”; notizie e frasi come queste si accavallano ormai da tempo, soprattutto da quando le sanzioni di Europa e Usa hanno punito Mosca.

La guerra in Ucraina è anche per molti una nuova Guerra Fredda, e anche una guerra economica, dove in ballo c’è, tra le altre cose, il futuro del biglietto verde. La vendetta russa punta infatti a scardinare proprio l’egemonia della valuta.

Un progetto chiaro, tanto che a partire dal prossimo 15 dicembre, otto banche russe inizieranno a testare il nuovo sistema di pagamento nazionale della Russia. “Il progetto pilota coinvolge SMP Bank e Rossiya Bank, che sono banche piuttosto grandi”, ha detto Vladimir Komlev, responsabile del Sistema di Pagamento Nazionale Russo (NPS), in una intervista rilasciata a Rossiya 24 TV.

Un altro istituto di credito è il secondo maggiore in Russia, VTB. Recentemente i suoi dirigenti hanno parlato chiaramente della necessità di rendere il sistema finanziario russo più auto-sufficiente, “scaricando il dollaro”.

Intanto si è concretizzato, con il NPS, quanto annunciato lo scorso mese dalla Banca centrale della Russia, che aveva anticipato che la Russia avrebbe avuto un proprio sistema di pagamenti interbancario su base globale, alternativo al network SWIFT, entro il maggio del 2015.

LEGGI ANCHE.

“Collasso sistema monetario e Armageddon per il dollaro”

Guerra economica, Russia e Cina: banche iniziano a non accettare più dollari

Il meeting segreto e la cospirazione di Mosca per annientare il dollaro

Kiev: “Russia vuole Terza Guerra Mondiale”. E Mosca minaccia smobilizzo bond, euro e dollari

Fonte

RT

(Lna)