Roubini: “la Bce deve svalutare ulteriormente l’euro”

2 Aprile 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Cernobbio – Non si puo’ ancora sopportare che l’Europa non riesca a reagire alle pressioni della Germania. C’e’ il rischio che la recessione si prolunghi, e nessun paese al mondo piu’ reggere una recessione che dura per anni.

Ecco perche’ la Banca Centrale europea, secondo il professore della New York University Nouriel Roubini, deve svalutare ulteriormente l’euro. Draghi, attuale presidente dell’istituto di Francoforte, deve avere piu’ coraggio e mettere in circolazione piu’ moneta, abbassando ancora i tassi di interesse.

Quanto all’Italia, e’ diventata un caso di studio a livello globale: “un paese dove viene intrapresa con grande decisione una raffica di riforme strutturali tutte pensate oculatamente, tutte necessarie, tutte sacrosante”, dice l’economista che aveva previsto la crisi subprime con due anni di anticipo.

“Che pero’ rischiano di infrangersi su un contesto internazionale che non permette che dispieghino i loro effetti. Perche’ senza crescita non si va da nessuna parte”.

Roubini, economista da sempre attento al nostro paese, era stato il primo a indicare Mario Monti come la ricetta giusta per uscire dal pantano della recessione. Ma gli sforzi del governo potrebbero non bastare.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved