Roche amplia portfolio cure epatite C dopo accordo con InterMune

7 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Roche si specializza ancora nel trattamento dell’epatite C attraverso un accordo con la statunitense InterMune. Il colosso farmaceutico svizzero ha annunciato l’acquisto dei diritti per lo sviluppo e la commercializzazione a livello mondiale del danoprevir pagando ad InterMune 175 mln di dollari. Il danoprevir è un inibitore della proteasi di seconda generazione per la cura dell’epatite di tipo C che ha mostrato risultati promettenti in studi pre-clinici e clinici. Inizialmente sviluppato in simbiosi tra le due compagnie, ora il gruppo elvetico diventerà l’unico detentore dei suoi diritti. Il nuovo prodotto andrà ad arricchire il già consistente portfolio di Roche di farmaci per la cura della malattia epatica.