Risparmiare sì, ma quanto conviene esattamente mettere da parte?

23 Maggio 2019, di Alessandra Caparello

Quanto denaro risparmiare dal proprio reddito? Una domanda che spesso affligge i contribuenti. Secondo molti esperti è consigliabile risparmiare il 20% del proprio reddito ogni mese.

Secondo la popolare regola del 50/30/20, coniata dalla professoressa Elizabeth Warren, si dovrebbe riservare il 50% del proprio budget a spese essenziali come l’affitto e i generi alimentari, il 30% per spese discrezionali e almeno il 20% per i risparmi. Se la raccomandazione di risparmiare il 20% del reddito mensile è giusta però non è sempre così semplice realizzarla. In caso di un lavoratore ad alto reddito, sarebbe saggio mantenere le spese basse e risparmiare una percentuale molto più alta ad esempio.

Per chi non riesce a risparmiare il 20% si può mettere da parte anche meno purchè lo si faccia. Ma se si vuole essere al sicuro durante la vecchiaia e avere qualche soldo in più per le cose, il 20 per cento è il numero da raggiungere. Per chi è giovane e ha sui venti e trent’anni, si dovrà risparmiare circa il 20 per cento del proprio reddito per avere la possibilità di raggiungere l’indipendenza finanziaria prima di essere troppo vecchio per goderne. Se è vero che si risparmia oggi per non dover lavorare più per i soldi in futuro, per la maggior parte delle persone però quel giorno non arriverà prima di molti decenni, mentre cè chi lavora regolarmente e lo raggiunge a partire dai 40 o addirittura 35 anni.

Quanto denaro risparmiare? Non c’è risposta univoca

Da qui la domanda principale la cui risposta dipende da ognuno di noi: quanto denaro devo risparmiare? Tutto dipende. Dipende se siete disposti a vivere nella soglia di povertà, se avete bisogno di due case e una barca a vela, o se vi trovate a metà strada. Dipende anche dall’andamento dei vostri investimenti.

In ogni caso il 20% è l’obiettivo a cui puntare e si può partire anche da poco, come l’1 per cento e poi man mano incrementarlo ad esempio se si ottiene un aumento  di lavoro. E per chi non può mettere da parte ogni mese una buona parte dello stipendio, investire anche una sola volta (per ora) può essere un buon modo per iniziare a risparmiare nel lungo periodo.