Risanamento, stipulato contratto definitivo compravendita ex area Falck

22 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Risanamento comunica che in data 22 ottobre 2010 la propria controllata Immobiliare Cascina Rubina S.r.l. ha stipulato con Sesto Immobiliare S.p.A. società partecipata da una cordata di investitori guidati dal Dott. Davide Bizzi, il contratto definitivo di compravendita avente ad oggetto la cessione dell’ex area Falck di Sesto San Giovanni (MI). Lo si legge in una nota. Il prezzo complessivo per la compravendita dell’area è stato convenuto in euro 405 milioni. Una parte del prezzo pari a euro 345 milioni è stata versata in data odierna in parte (per euro 274 milioni circa) mediante accollo liberatorio da parte di Sesto Immobiliare del debito di Immobiliare Cascina Rubina nei confronti di IntesaSanpaolo S.p.A. e in parte (per euro 71 milioni circa) per cassa. Il saldo del prezzo pari a euro 60 milioni verrà corrisposto da Sesto Immobiliare a Immobiliare Cascina Rubina subordinatamente all’approvazione del programma integrato di intervento (PII) e del progetto definitivo di bonifica dell’area entro il 31 dicembre 2012. Il contratto prevede alcuni casi di proroga del termine del 31 dicembre 2012 e alcuni meccanismi di riduzione del saldo del prezzo al ricorrere di determinate condizioni. Si ricorda che il valore dell’area riportato nel bilancio civilistico di Immobiliare Cascina Rubina al 31 dicembre 2009 è di euro 256 milioni e che il valore di realizzo previsto nel piano finanziario industriale del Gruppo Risanamento del 2 settembre 2009 (il “Piano”) per la vendita dell’area, da effettuarsi entro il 31 dicembre 2012, è di euro 450 milioni. Tenuto conto del venir meno dei costi correlati al completamento dell’iter autorizzativo e dei costi progettuali da sostenere sino al 31 dicembre 2012 nonché dei benefici finanziari connessi all’anticipata riduzione di euro 274 milioni circa di debito ed alla liquidità derivante dalla parte di prezzo che è stata corrisposta in data odierna per cassa, le condizioni economiche e finanziarie previste nel contratto risultano complessivamente coerenti con quelle previste nel Piano (nell’ambito dell’accordo di ristrutturazione ai sensi dell’art. 182-bis sottoscritto il 2 settembre 2009 ed omologato dal Tribunale di Milano con provvedimento emesso il 15 ottobre 2009 e depositato il 10 novembre 2009), in considerazione altresì della rilevanza e della complessità dell’operazione sotto il profilo urbanistico, finanziario e immobiliare e dell’anticipazione temporale dell’operazione rispetto alle previsioni del Piano. Risanamento si è costituita garante dell’adempimento degli impegni di indennizzo assunti da Immobiliare Cascina Rubina per il caso di violazione delle dichiarazioni e garanzie da quest’ultima rilasciate in relazione all’area. Risanamento è inoltre tenuta a garantire, sino ad un importo massimo di euro 40 milioni, gli eventuali impegni di Immobiliare Cascina Rubina ai sensi del contratto in relazione ai costi connessi ai lavori di bonifica da realizzarsi sull’area.