Rincari gas: in Uk falliti due fornitori di energia, guai per 1,5 milioni di famiglie

22 Settembre 2021, di Massimiliano Volpe

I rincari del prezzi petroliferi e del gas si riflettono pesantemente anche sulle società energetiche. Più di 1,5 milioni di famiglie in Gran Bretagna saranno costrette a cambiare fornitore di energia a causa del fallimento di due società del settore . Un dissesto che porta  il numero delle aziende energetiche in Gran Bretagna che hanno cessato l’attività a sette dall’inizio di agosto. Lo ha reso noto Bloomberg.

Le ultime due società che hanno chiuso la loro attività sono la Green Supplier e Avro Energy che hanno smesso di operare mercoledì. Avro riforniva 580.000 clienti e Green 255.000, pari al 2,9% delle famiglie in Gran Bretagna. Anche altri cinque fornitori, con oltre 650.000 clienti in totale, sono falliti dall’inizio di agosto, da quando i prezzi del gas e dell’elettricità sono saliti alle stelle.

Rincari del gas, attesi altri fallimenti

Secondo Bloomberg il numero dei fallimenti in Gran Bretagna potrebbe salire ancora. Secondo il segretario alle imprese del Regno Unito Kwasi Kwarteng anche altre aziende del settore dell’energia sarebbero nei guai.

Come evidenziato dall’agenzia di stampa Usa, Kwarteng ha tenuto una serie di riunioni di emergenza negli ultimi giorni. Le aziende che distribuiscono luce e gas hanno chiesto l’abolizione del tetto massimo delle tariffe predefinite per consentire loro di trasferire parte degli aumenti sui consumatori, ma il governo ha affermato che ciò non accadrà. Si stanno invece prendendo in considerazione prestiti garantiti dallo stato per aiutare le aziende più grandi a rilevare i clienti delle aziende fallite.

“Le attuali condizioni di mercato sono senza precedenti, con prezzi record dell’energia all’ingrosso che spingono il costo dell’energia al di sopra del prezzo massimo”, ha affermato Green in una nota. “Ciò significa che Green, come tutti gli altri fornitori di energia, vende energia ai clienti in perdita”.

Il regolatore energetico Ofgem dovrà trovare adesso un fornitore per i clienti di Green e Avro. Secondo quanto evidenziato da Bloomberg questo dovrebbe avvenire in tempi rapidi ma le aziende più grandi potrebbero non essere disposte a rilevare clienti in perdita. È improbabile che i prezzi elevati del gas scendano rapidamente, il che ha spinto il governo a cercare di trovare un modo per proteggere le famiglie e assicurarsi che abbiano un fornitore sostitutivo.