Rendimento nominale e reale

14 Dicembre 2016, di Simone Rubessi

Rendimento nominale e reale

Spesso nel valutare il rendimento di un investimento obbligazionario i meno attenti non considerano la sostanziale differenza tra  rendimento nominale e rendimento reale, differenza che può celare spiacevoli sorprese.

Il rendimento di un’obbligazione a tasso fisso è pari al rapporto tra una singola cedola periodica ed il valore nominale del titolo : TRN = (Cedola/Valore Nominale)x100, mentre il rendimento reale è uguale al tasso di rendimento meno l’inflazione.

Questa differenza a volte può essere elevata, vediamo  un esempio  di come calcolare il rendimento reale:  Rendimento lordo * (1- tasse capital gain) – tasso di inflazione.

Ipotizziamo un rendimento al 3% , quindi il risultato è = 3%*(1-12,5%) – tasso inflazione , che è = a  0,03 * 0,875 = 2,625% a cui va tolta l’inflazione, oggi pari allo -0,2% di conseguenza non va ad intaccare ulteriormente il rendimento.

Diverso sarebbe se acquistassimo Bund Tedeschi a 5 anni dove il rendimento nominale è -0,435% assai più basso dell’inflazione attuale, in questo caso il tasso di interesse reale è negativo, il creditore ci perde ed il debitore ci ricava una rendita.

Rendimenti più bassi dell’inflazione vanno a discapito dei cittadini,  ad esempio come successe negli anni ’70 dove si acquistavano titoli a rendimento 13% , che sembravano tanto alti, ma l’inflazione era al 20% ed  in realtà creava vittime “inconsapevoli” di questo raggiro.

Nel calcolo del rendimento, a precisazione,  va  considerata anche l’ imposta sul disaggio che affronteremo in un altro articolo.

Passando all’ indice Dax la previsione a vent’ anni è decisamente ancora attuale, anche se come ripeto da tempo la discriminante sarà sul massimo di questo ciclo Annuale, li sarà possibile capire lo scenario di medio periodo, ossia quale delle due versioni di ciclo Economico avrà corso (versioni che presento da tempo, vedere report precedenti).

Di conseguenza anche la previsione a vent’ anni potrà subire variabili in relazione al ciclo Economico che si svilupperà.

Il ciclo Economico rappresentato dal Battleplan e dal Taylor in questa immagine è il nuovo ciclo Economico  rilevato dai nostri ultimi studi di mercato, prevede una conformazione a tre cicli Annuali Fusion,  previsione al momento più probabile secondo i nostri algoritmi.

Il ciclo Annuale fusion  corrente decisamente rialzista, come da previsione i prezzi dopo una lunga fase di accumulazione hanno rotto al rialzo gli ultimi massimi dando corso al mark-up sul ciclo.

Il massimo ciclico è ancora molto lontano, il mercato Toro dovrebbe pertanto continuare ancora per diversi mesi.

La previsione di Taylor di medio lungo periodo evidenzia il futuro ad oggi più probabile.

Approfitta della nostra offerta promozionale all-inclusive disponibile fino alla fine dell’anno, è inoltre attivabile gratuitamente la versione demo della durata di un mese senza vincoli di rinnovo. Essa comprende tutti i servizi disponibili sul sito e 25 corsi di formazione inclusi nella promozione, per ulteriori informazioni visitate il link:

http://www.ratingconsulting.eu/home/services/attiva-la-prova-gratuita?p=3&t=ott2016