Regioni: con ultime due manovre tagli superiori del 57,3% rispetto a Stato

14 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il taglio strutturale subito dalle Regioni nelle ultime due manovre ammontano al 57,31%, al di sopra di quello delle amministrazioni centrali. Lo affermano gli studi dei tecnici economici della Conferenza delle Regioni rispondendo al documento congiunto del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Ancora più soprendente è che sempre secondo gli studi, mentre per le Regioni i tagli sono stati effettivi, quelli dello Stato sono stati “virtuali”.