Prometeia: spread BTp Bund sotto 120 pb. Risparmi per 8 miliardi di euro

27 Settembre 2019, di Alessandra Caparello

Il differenziale Btp/Bund 10 anni potrà restare in media sotto 120 punti base tra il 2020 e il 2022. Così Prometeia, società di consulenza e ricerca economica, secondo cui il rendimento dei Btp decennale è visto a 0,68% nella media del triennio 2020-2022.

Questo grazie a una valutazione più favorevole del rischio paese e agli effetti di una politica monetaria più accomodante, dice Prometeia. La società inoltre ha aggiornato le previsioni per l’Italia confermando un +0,1% di Pil per quest’anno e portando da +0,5 a +0,6% la stima per il prossimo.

Pur con margini di manovra fiscale che rimangono esigui – dicono gli economisti nella loro nuova previsione – per l’economia italiana si potrebbe aprire una fase favorevole per ridurre gradualmente, nei prossimi anni, debito (progressivo rientro a partire dall’anno prossimo fino al 131,2% del Pil al 2022) e deficit. Ipotizzando di compensare totalmente le clausole di salvaguardia, Prometeia prevede per il 2020 un disavanzo al 2,1%, con una manovra da 14 miliardi netti, saldo tra 18 miliardi di misure restrittive e 4 di misure espansive, tese a favorire prevalentemente le famiglie a basso reddito (all’andata a regime del reddito di cittadinanza si sommerà la riduzione del cuneo ad esse destinato)”.

L ’istituto di ricerca bolognese sottolinea inoltre come “gli effetti negativi del quadro internazionale sono compensati dai bassi tassi d’interesse”. Infine in vista della legge di bilancio 2020,  Prometeia ipotizza tra le misure da introdurre una “riduzione lineare di deduzioni e detrazioni fiscali”, che ha il vantaggio di essere “più facilmente praticabile a breve termine” e che porterebbe una dote da 8 miliardi di euro.