Pop Vicenza prepara fusione con Veneto Banca: taglia prezzo titoli

9 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Proseguono i preparativi di Pop Vicenza alla fusione con Veneto Banca, nell’ambito di un consolidamento generale del settore effetto naturale del decreto di riforma varato dal governo che vedrà la trasformazione in spa di ben undici istituti.

La popolare proporrà ai suoi soci riuniti in assemblea di tagliare il prezzo dei titoli dai 62,5 euro di un anno fa a 48 euro. I 117 mila soci azionisti non la prenderanno bene: si tratta di una sforbiciata del 23,2%.

Sull’operazione di fusione i tempi sembrano ancora prematuri, ma come scrive il Sole 24 ore, “la moral suasion di Banca d’Italia è assai forte”.

Le assemblee delle due banche popolari ci dirà di più sul futuro dei due gruppi non solo per la trasformazione in spa ma anche per l’eventuale integrazione.

Il mese scorso un segnale di apertura lo avevano dato entrambi i manager delle banche. Gianni Zonin, presidente della Banca Popolare di Vicenza aveva detto che “Lo scenario per una possibile integrazione è più favorevole rispetto al passato”. Francesco Favotto, presidente di Veneto Banca, gli aveva fatto eco dicendo che “Ci sono le condizioni per un dialogo frequente, tra di noi tante analogie”.

(DaC)