Piquadro e Triboo rafforzano la collaborazione con l’e-commerce di Lancel

12 Dicembre 2019, di Redazione Wall Street Italia

Triboo, Gruppo attivo nel settore dell’E-Commerce e dell’Advertising digitale quotato sul mercato MTA , è stato scelto per il lancio dell’e-store di Lancelstorica maison parigina di pelletteria di lusso acquisita a giugno 2018 dal Gruppo Piquadro.

“Siamo orgogliosi ed entusiasti della fiducia ricevuta da parte del Gruppo Piquadro” – ha commentato Marco Giapponese, direttore generale di Triboo – “Il lavoro sviluppato negli anni con questo partner è stato incentrato sulla crescita digitale di questa realtà leader nel mondo fashion. Ad oggi consideriamo Piquadro, The Bridge e Lancel tre fra i siti più all’avanguardia ed user friendly nel panorama E-Commerce internazionale, come dimostrano sia la costante crescita del traffico utenti, sia i risultati di successo raggiunti durante il Black Friday & Cyber Monday”.

Il Gruppo Piquadro, che già si avvale del supporto e della consulenza di Triboo per la gestione degli store online dei brand The Bridge e Piquadro, che hanno registrato durante il periodo del Black Friday e Cyber Monday una crescita rispettivamente del 52% e 61% rispetto allo stesso periodo del 2018, ha scelto ancora una volta questo partner strategico, affidando alla Digital Transformation Factory anche l’implementazione del negozio online del marchio francese Lancel.

Oltre ad assistere il brand nella gestione del proprio store online, attivo al momento in Europa, Svizzera, USA, UK, e Russia, Triboo (che controlla questa testata online) si occuperà anche dell’implementazione di mirate ed efficaci attività di Digital Marketing e dell’ottimizzazione SEO.

Tramite i propri marchi, il Gruppo Piquadro, che negli anni è diventato un punto di riferimento per il settore delle valige e degli accessori, è in grado di rispondere alle esigenze di consumatori diversi. Dopo l’acquisizione di Lancel dal Gruppo Richemont, il Gruppo Piquadro ha registrato ricavi per 147,5 milioni di euro per l’esercizio chiuso al 31 marzo 2019 e portato l’utile a 34,5 milioni di euro.