Piazza Affari ritrova il sorriso

23 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Cambio d’umore a Piazza Affari. Dopo una partenza riflessiva la borsa milanese ritrova un po’ di quella fiducia che aveva perso la scorsa ottava sui segnali d’indebolimento dell’economia mondiale, con i dati Usa su occupazione e manifattura che avevano gelato i mercati finanziari. Secondo molti esperti sia i fondi che i piccoli investitori si starebbero posizionando sull’obbligazionario, alla luce delle incertezze sulla ripresa economica che fanno preferire profitti esigui a fronte di un minor rischio. Ora si guarda a una nuova ottava, anche se per oggi il calendario macroeconomico risulta piuttosto scarno. In agenda alle 14:30 c’è solo il CFNAI di luglio mentre si attende con più ansia domani e dopodomani quando verranno diffusi i dati sul settore immobiliare. Venerdì, poi, sarà la volta della revisione del Pil Usa del 2° trimestre. Dal fronte valutario l’euro risulta stabile contro il dollaro attorno agli 1,27 usd mentre flette ancora la moneta americana nei confronti dello yen, con scambi a 85,14. In lieve rialzo il prezzo del petrolio, con il Wti a 74 dollari al barile mentre l’oro vale 1.225,77 dollari l’oncia. L’indice FTSE IT All-Share registra un rialzo dello 0,79% così come il FTSE MIB. In bella mostra le banche e il cemento, come nel resto del vecchio continente. Ubi banca guida i rialzi del paniere Ftse Mib con un balzo di oltre il 2%. Bene anche Azimut e Italcementi. Modesta la risalita di Impregilo e Astaldi, che avrebbero presentato richieste di prequalificazione alla gara per la realizzazione di una superstrada in Libia. Non si lascia andare l’Eni, dopo aver precisato venerdì scorso che la notizia di un accordo di partenariato con Black Gold, società degli Emirati Arabi Uniti, è destituita da ogni fondamento. A velocità ridotta la Fiat, ancora alle prese con i tre dipendenti di Melfi reintegrati dal giudice del lavoro. Ferme le utilities assieme a Finmeccanica. Parità per la A.S. Roma, dopo la sconfitta nella SuperCoppa italiana mentre la Juve festeggia l’accordo per l’acquisto del calciatore Milos Krasic. Vola Investimenti e Sviluppo, nel giorno in cui è partito l’aumento di capitale.