Piazza Affari rallenta nonostante lo Zew

20 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Piazza Affari accoglie con molto nervosismo il dato sull’indice Zew tedesco appena pubblicato dall’Istituto di ricerca, che è apparso in forte rialzo a 53 punti, ben oltre le attese degli analisti che indicavano un valore di 45 punti. La reazione del mercato è stata analoga a quella delle altre borse europee, che hanno ridimensionato dai massimi della mattinata. Intanto, l’attenzione resta catalizzata dal settore auto, dopo gli ottimi risultati presentati da Daimler e sulla conferenza stampa a sorpresa indetta dalla Fiat. L’euro ha recuperato attorno ai livelli di ieri a 1,369 USD, dopo esser apparso sottotono a inizio giornata. IN rialzo anche il prezzo del petrolio che balza oltre gli 83 dollari al barile. I futures USA, al momento, si muovono con cautela, non fornendo precise indicazioni per l’avvio di Wall Street, in una giornata che sarà molto ricca sotto il profilo dei risultati corporate. A Milano, l’indice FTSE All Share mostra un incremento dello 0,43% e l’indice FTSE MIB lo 0,44%. Fra le blue-chips è in pole position Fiat dopo la notizia di una conferenza stampa convocata per il pomeriggio, proprio alla vigilia della presentazione dei conti e del Piano. I rumors che si rincorrono sul mercato danno per probabili le dimissioni del Presidente, Luca Cordero di Montezemolo. Quel che è certo è che si tratta di una cosa importante, essendo presenti le tre massime cariche del Lingotto. In battuta anche la controllante Exor che di affianca al Gruppo torinese. Si infiamma anche il settore pneumatici con Pirelli che avanza di buon passo, traendo beneficio dall’euforia che ha investito il settore automotive in tutta Europa, anche per effetto dei conti Daimler. Acquisti su banche e petroliferi anche grazie a ricoperture dopo la performance negativa della vigilia. In disparte le utilities che avevano retto meglio nella sessione precedente.