Piazza Affari, peggiora sentiment e raddoppia quota dei pessimisti

24 Ottobre 2014, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Piazza Affari anellerà nuovi guadagni o per l’azionario italiano non ci sono più grandi margini di rialzo? Dal sondaggio di ottobre messo a punto da Assiom Forex, in collaborazione con ‘Il Sole 24 Ore Radiocor’, risulta che le flessioni delle ultime settimane hanno avuto un impatto sul sentiment degli operatori. Ergo, gli ottimisti sono calati.

Il 41% dei 306 operatori che hanno partecipato al sondaggio ritengono che nei prossimi tre mesi Piazza Affari rimarrà pressocché “stabile (con variazioni tra
-3% e +3%), contro la percentuale del 37% del sondaggio di settembre (in quel caso, le previsioni si riferivano ai sei mesi successivi).

Soprattutto, sono calati gli ottimisti, coloro che ritengono che Piazza Affari salirà ancora: la percentuale dei rialzisti è di appena il 32%, contro il 46% precedente. Il peggioramento del sentiment è provato da chi stima che l’azionario italiano scenderà: in questo caso il numero degli operatori è di fatto raddoppiato, dal 12%, al 24%.

Ci sono poi i veri ottimisti, quelli che puntano su un rialzo superiore a +10%, che sono il 2% circa, e quelli che sono meno pessimisti (solo l’1% crede in una correzione superiore a -10%).

Scende poi la percentuale di chi scommette sulla flessione dell’euro (nei prossimi tre mesi), al 55% dal 63% da settembre (quando l’arco delle stime era di sei mesi), mentre aumenta al 26% dal 19%, la percentuale di chi stima una valuta “stabile”. Non registra infine grandi variazioni la quota di chi scommette su un rialzo (al 16% dal 14%).

Il sondaggio, secondo il presidente di Assiom Forex, Giuseppe Attanà, “conferma che la maggioranza degli operatori, sebbene sia in calo, continua a prevedere un indebolimento dell’euro rispetto al dollaro e a ritenere che questo possa rappresentare un contributo alla ripresa del Paese e dell’Eurozona”.