PIAZZA AFFARI: CHIUSURA SUI MINIMI

24 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Giornata dal clima estivo per la Piazza milanese che si ferma con il Mibtel a -0,80% (32.570 punti) e il Mib30 a -0,86% (47.827 punti). Pochi rialzi e tanti segni rossi. In particolare cedono i telefonici e i tecnologici. La scuderia di Roberto Colaninno ha infatti collezionato solo segni negativi: Olivetti -2,68%, Telecom -1,75%, Tecnost -1,84%, Tim -1,37%. In rosso anche Seat (-0,88%) con gli investitori che aspettano altri dettagli sull’affare Telemontecarlo.

Tra i tecnologici il denaro arriva per Chl (+2,85%) dopo la presentazione di un’ottima semestrale. Al Nuovo Mercato sale anche Gandalf +1,51%, mentre chiudono in ribasso Tecnodiffusione (-1,82%), Cdb Web (-1,62%) e Opengate (-1,51%).

Tra le Blue Chip la migliore è stata Bipop Carire (+1,82%). Con questa altri bancari hanno corso bene: Intesa +0,44%, San Paolo-Imi +0,41%, Rolo 1473 (+0,56%). La controllante Unicredito conta di rivedere l’assetto dell’istituto.

Salgono gli energetici con Eni a +1,56% e Edison a +0,41% dopo che l’azienda si è aggiudicata un’importante commessa in Egitto.

In rialzo, unico tra gli editorilai, il titolo Mediaset a +1,72%.

Star della giornata è stata anche oggi Adf (Aeroporto di Firenze). Il titolo è stato sospeso più volte e all’ultimo prezzo faceva segnare 19,4 euro (un euro vale 1936,27 lire) con un rialzo del 27%. Sull’aeroporto toscano continuano le voci di una possibile scalata da parte di gruppi che non hanno partecipato alla privatizzazione degli Aeroporti di Roma. Si pensava in particolare al Gruppo Benetton che però ha smentito pochi minuti fa un suo interesse.