PIAZZA AFFARI: CHIUSURA IN RIALZO DIETRO AL NASDAQ

13 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Mibtel si ferma poco sotto i massimi a +0,74% (32.970 punti) e il Mib30 a +0,68%. La corsa del Nasdaq a New York ha investito i tecnologici, i telefonici e i media italiani.

Tra le Blue Chip brilla Tim (+3,33%), ma è anche Telecom a segnare un ottimo risultato (+3,11%). Distanti Tecnost +0,59% e Olivetti +0,54%. Nella scuderia di Roberto Colaninno sale anche Seat (+1,22%).

Denaro su Finmeccanica (+1,89%), Fiat +1%, mentre cede l’Eni (-0,39%) malgrado le ultime acquisizioni in Spagna.

Sul listino principale gli investitori hanno acquistato anche i bancari: Mps +1,15%, Intesa +0,53% e San Paolo +0,49%. Venduta Comit -2,64%.

Buono il settore media: Mediaset +3,03%, Mondadori +5,56%, L’Espresso +1,59% e Class editore +2%.

Al Nuovo Mercato, la regina è stata Tecnodiffusione (+13,73%), ma il traino del Nasdaq ha portato in alto anche Opengate +8,3%, Dada +6,18%, Chl +7,18%, Cdb +5,87%, Cdc +3,43%, Txt +2,77%.

Ottime anche le Olidata che alla fine segnano un rialzo del 7,14%.

L’ingresso di Microsoft in Blixer ha portato su Cofide (+7,05%) e Cir (+4,49%).