Stagione dei dividendi alle porte: le cedole più generose

8 Aprile 2019, di Mariangela Tessa

Per la gioia degli investitori, sta per entrare nel vivo la stagione dei dividendi di piazza Affari. Secondo i calcoli dell’ufficio studi di Websim, il sito del broker Intermonte, ammonterà a circa 26 miliardi il totale delle cedole che le società quotate a Milano distribuiranno fra fine aprile e fine luglio.

Una cifra pari al 4,2% della capitalizzazione complessiva della piazza milanese rispetto al 2,5% che offre il Btp decennale. Impietoso il confronto con il Bot a 12 mesi che oggi ha un rendimento sotto zero.

Quali sono i gruppi più generosi?

In testa alla classifica delle azioni che offrono il più alto rendimento in termini di dividendo spicca Fiat Chrysler, che non distribuiva la cedola agli azionisti da un decennio. Quest’anno il gruppo ha già approvato una cedola ordinaria di 0,65 euro (sarà staccata il 23 aprile), pari a un rendimento del 4,9%, ma gli analisti scommettono, in occasione della prossima assemblea del 12 aprile, la società approverà un cospicuo dividendo straordinario con cui verrà distribuita ai soci parte dei 6,2 miliardi incassati con la vendita di Magneti Marelli. Websim ipotizza una cedola straordinaria di 1,9 euro per azione, che farebbe salire il rendimento complessivo, fra dividendo ordinario e straordinario, al 14,6%.

Tra le società più generose di piazza Affari, subito dopo FCA spicca Azimut, che il 20 maggio staccherà una cedola di 1,5 euro, pari al 10% dell’attuale quotazione della società del risparmio gestito.

Nella top five spicca in terza posizione l’utility veneta Ascopiave con il 9,5% (dividendo di 0,335 euro), seguita da Intesa Sanpaolo che il 20 maggio staccherà una cedola di 0,197 euro, pari a un rendimento del 9,1%. Quinta è Dea Capital, la società di investimenti della famiglia De Agostini, con rendimento dell’8,2% (dividendo di 0,115 euro).